Politica Stazione / Via Flaminia

Strada di sangue, i residenti chiedono sicurezza: arriva la risposta del Comune

L'assessore Stefano Foresi ha risposto alle segnalazioni e agli appelli dei residenti. Per il semaforo si dovrà aspettare, ecco gli interventi in programma

Lo striscione lungo la via Flaminia chiede un semaforo e i residenti della Palombella sono scesi in piazza per chiedere misure di sicurezza su quella che ormai chiamano la strada del sangue. L’assessore comunale alla sicurezza e manitenzioni, Stefano Foresi, è tornato sull’argomento per spiegare che interventi programmati ce ne sono e da tempo. «Per il semaforo stiamo valutando il da farsi- ha premesso Foresi- ma lì la Municipale è già presente da diverso tempo con il telelaser per rilevare e sanzionare gli eccessi di velocità, appostamenti che continueranno in giorni e in orari diversi». Sempre sulla questione velocità, l’assessore ha spiegato che: «Per chi arriva da Torrette c’è un segnale lampeggiante che indica il passaggio pedonale». 

Foresi ha poi aggiunto che esiste un accordo con Conerobus per l’arretramento della fermata verso la stazione «in modo da allontanarla dalla curva del bypass e renderla più sicura» per poi ribadire, ma questo è stato riconosciuto dagli stessi residenti e consiglieri CTP3, che in zona  è in programma il rifacimento dell’asfalto: «Con l’asfalto nuovo sarà rifatta la segnaletica orizzontale e anche il passaggio pedonale sarà arretrato di circa 50 o 60 metri». In quel preciso punto della Flamina lo scorso 11 maggio fu investita una donna romena di 52 anni residente in zona, morta dopo due giorni di agonia.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada di sangue, i residenti chiedono sicurezza: arriva la risposta del Comune

AnconaToday è in caricamento