Sport ai tempi del Covid, Sturani: «Palestre scolastiche a disposizione della comunità»

La proposta del candidato Pd al Consiglio regionale prevede anche la sanificazione degli impianti a carico del Governo

Fabio Sturani

L'epidemia di Covid, ha avuto un impatto fortemente negativo su molte attività, tra queste il mondo dello sport e delle società sportive, improvvisamente trovatesi a far fronte a significativi costi di sanificazione e, in molti casi, a dover gestire spazi che non permettono la normale attività in rispetto delle norme di distanziamento. Una risorsa che risponderebbe in parte a queste problematiche, secondo Fabio Sturani, è l'utilizzo delle palestre scolastiche presenti sul territorio da parte di società e associazioni sportive.

«Le palestre scolastiche sono un luogo fondamentale per l'educazione sportiva dei nostri ragazzi. Svolgono una funzione aggregativa di grande importanza sociale, contribuendo alla formazione di valori cardine quali il rispetto, lo spirito di gruppo e l'unione» dice il candidato PD al Consiglio regionale. «Da uomo di sport, da sempre vicino e attento alle vicende del settore sportivo marchigiano, anche in virtù delle competenze e dei ruoli che mi sono stati attribuiti, ritengo che questi luoghi debbano essere utilizzati, prima di tutto, dagli studenti per le attività sportive inerenti la didattica scolastica, e compatibilmente con i suddetti impegni, negli orari extrascolastici, messi a disposizione delle società sportive del comune di appartenenza. Così come specificato dalla Legge finanziaria del 2002 art.90 che recita: «Le palestre, le aree di gioco e gli impianti sportivi scolastici, compatibilmente con le esigenze dell'attività didattica e delle attività sportive della scuola, comprese quelle extracurriculari, devono essere posti a disposizione di società e associazioni sportive dilettantistiche aventi sede nel medesimo comune in cui ha sede l'istituto scolastico o in comuni confinanti. Per questo auspico che si faccia appello a quanto riportato espressamente nel Fondo di Garanzia per l'impiantistica sportiva all'interno del Decreto Rilancio emanato dal governo nazionale. Infatti sono previste risorse economiche per la messa in sicurezza delle strutture, per la sanificazione e per il presidio organizzativo ed anche lo sviluppo di nuovi modelli di attività sportiva. Il mio impegno in questo senso è rivolto al rilancio dell'attività sportiva dilettantistica e non solo, pertanto solleciteremo il Governo, e i ministeri competenti, sul reperimento delle risorse economiche necessarie per il compimento degli oneri relativi alla sanificazione delle palestre, e che in alcun modo debbano ricadere sulle finanze degli istituti scolastici e delle società sportive».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento