Sanità, la proposta del M5S: «Investire in strutture pubbliche e servizi territoriali»

Le consigliere regionali Marta Ruggeri e Simona Lupini: «E' necessario un totale ripensamento delle politiche socio-sanitarie nelle Marche»

Marta Ruggeri e Simona Lupini

«Il prossimo 3 novembre, durante la discussione in Consiglio regionale delle linee programmatiche già esposte dal presidente Acquaroli, presenteremo uno specifico ordine del giorno sulla fondamentale materia delle politiche socio-sanitarie. È necessario infatti un totale ripensamento e una riprogettazione dei servizi socio-sanitari nelle Marche, assolutamente depotenziati dopo le assurde scelte operate dalle amministrazioni precedenti nel corso degli ultimi anni, che hanno portato a privilegiare la sanità privata rispetto a quella pubblica e alla chiusura di importanti servizi territoriali, causando pesanti ripercussioni su gran parte della cittadinanza marchigiana». Lo affermano Marta Ruggeri e Simona Lupini, consigliere regionali e componenti del Gruppo Movimento 5 Stelle.

«Il documento che presenteremo contiene alcuni precisi e concreti impegni per la Giunta, che prevedono lo stanziamento, già nella prossima legge di bilancio, di maggiori fondi per la ristrutturazione e il potenziamento delle strutture pubbliche esistenti, attraverso l'adozione di un modello policentrico che privilegi la sanità territoriale e di prossimità, così come, peraltro, già indicato dagli ultimi decreti legge emanati da Governo e Parlamento. Inoltre, sarà per noi fondamentale prevedere il ripristino dei servizi socio-sanitari soppressi o depotenziati dalle precedenti amministrazioni, tra cui i reparti Pediatria, i Punti Nascita e i servizi in favore della salute psicologica e mentale ospedalieri e territoriali». 

«Invitiamo, quindi, la Giunta Acquaroli ad avviare immediatamente l'aggiornamento del piano socio-sanitario, prevedendo il massimo coinvolgimento e confronto con la competente Commissione, l'intero Consiglio regionale e con tutte le parti sociali interessate, compresi, ovviamente, i Comitati dei pazienti e dei cittadini in generale. Auspichiamo che sul nostro documento convergano tutte le forze politiche perché su queste tematiche non ci possono essere divisioni, ma soltanto un concreto impegno comune a favore della comunità marchigiana», concludono le consigliere Ruggeri e Lupini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Marche zona gialla o zona arancione? Acquaroli fa chiarezza

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • LE MARCHE TORNANO ZONA GIALLA

  • Ora è ufficiale, le Marche di nuovo in zona gialla: ma cosa cambia da domenica?

Torna su
AnconaToday è in caricamento