menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jesi, il Comune “ti dedica più tempo”: cambia l’orario degli uffici

Dal 4 marzo gli uffici del Comune cambieranno e amplieranno i propri orari di apertura al pubblico: non più due ore giornaliere, ma le intere mattinate, dalle 8.30 alle 13, ed il pomeriggio del giovedì, dalle 15 alle 18

“Ti dedichiamo più tempo”. È lo slogan scelto dall'Amministrazione comunale di Jesi per informare i cittadini che da lunedì 4 marzo prenderà il via l'ampliamento degli orari di apertura al pubblico dei servizi comunali: si comincerà con l'Ufficio Anagrafe e lo Sportello Unico Servizi, trasferito anch'esso nella sede di via Mura Occidentali 8, che saranno aperti, dal lunedì al sabato, tutte le mattine dalle 8.30 alle 13, ed il pomeriggio del giovedì, dalle 15 alle 18. Tali sportelli sono stati accorpati in un’unica struttura, per altro con maggiore facilità di accesso perché fuori dalla Ztl, essendo quelli a più diretto contatto con i cittadini. Saranno loro gli apripista della nuova organizzazione oraria decisa dal Comune che interesserà, da qui ad un mese, tutti gli altri uffici comunali con le stesse nuove e più ampie modalità di accesso al pubblico.

Dopo la rimozione del cancello nell'atrio comunale, prende dunque corpo la revisione dell’organizzazione degli uffici municipali decisa dalla Giunta con il doppio intento di essere sempre più a disposizione del pubblico e di uniformare gli orari a quelli degli altri uffici pubblici.

“Avevamo detto fin dal nostro insediamento che in Comune il cittadino non poteva avere difficoltà di accesso - ha ricordato il sindaco Massimo Bacci - e la scelta che abbiamo compiuto vuole esserne la testimonianza più diretta. Certo, vi sarà un maggior onere per i dipendenti, ma questo è supportato da una nuova organizzazione e dall’accorpamento dei vari servizi. Un’operazione volta a superare gli attuali doppi ruoli e le difficoltà legate alle suddivisioni del lavoro”.

Si tratta infatti di una riorganizzazione che, più in generale, investe l’intero funzionamento della macchina amministrativa. E non solo perché cambia anche l’orario di lavoro per i dipendenti comunali con  non più uno, ma due rientri settimanali (anche il martedì). Ma soprattutto perché dai vecchi sette Servizi (Segreteria Generale, Finanziari, Sociali, Tecnici, Polizia Municipale, Biblioteca e Pinacoteca) si è passati a quattro Aree: Risorse Finanziarie, Servizi al cittadino e alle imprese, Servizi tecnici e Sviluppo risorse umane e organizzazione, a capo delle quali vi sono i 4 dirigenti a fronte dei 7 più un direttore generale della precedente legislatura. La polizia municipale, come disposto dalle leggi vigenti, sarà invece alle dirette dipendenze funzionali del sindaco.  


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento