Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Negozi a Falconara, Signorini: «Obiettivo, semplificare e agevolare le imprese»

Il regolamento sulla pubblicità arriva in consiglio dopo il confronto con gli imprenditori, che si erano sempre lamentati dei tempi d'attesa della burocrazia. Futura: «Stop a chi evade, rinnovi più semplici»

Stefania Signorini

«Semplificare, agevolare le imprese sono obiettivi che ci eravamo posti da un anno a questa parte. Il risultato è questo nuovo regolamento che e ci apprestiamo a varare». Parola dell'assessore al Commercio, Stefania Signorini a poco più di 24 ore dall'arrivo in consiglio comunale del Piano della Pubblicità, regolamento per le imprese con molte novità soprattutto sul tema delle insegne d'esercizio. Un percorso che ha coinvolto commercianti ma anche imprese artigiane che si occupano di segnaletica pubblicitaria, da tempo critiche sui lunghi tempi di attesa e su una procedura, quella in vigore, ritenuta macchinosa. La rivoluzione passa per la Scia, la Segnalazione certificata di inizio attività che andrà a sostituire la richiesta di autorizzazione. Comunicazione «che avrà un percorso interno senza che l'utente sia costretto a girare per gli uffici - assicura la Signorini - ed entro la fine del mese metteremo mano, in giunta, ai costi. Le nuove insegne saranno gratuite». Gratuità che la giunta intende allargare anche per le attività che passeranno da un'insegna "normale" a una luminosa. Entro fine mese in giunta si parlerà di costi. La nuova insegna sarà a costo zero. Altra novità per le insegne luminose: costo zero. «Sono aspetti molto importanti - commenta Carlo Rossi, imprenditore del centro città e membro di I love Shopping - Oltre gratuità quello che ci interessa è l'iter. Il Comune deve stare a fianco agli utenti e in maniera più snella. La troppa burocrazia fa perdere giornate intere per non risolvere nulla. Spesso per le piccole attività significa stare chiusi per ottemperare a queste incombenze».

Il testo potrebbe essere emendato in aula grazie al contributo dell'associazione Futura. L'associazione ha allestito un gruppo di lavoro (ne hanno fatto parte la commercialista Gloria Bussolotto, Lorenzo Giammarchi e Stefano Nocioni) e ha inviato ai capigruppo di maggioranza e opposizione e al presidente della Commissione Urbanistica, Ivano Astolfi, sei proposte di emendamento «con l'auspicio che possano essere fonte di ispirazione per il consiglio comunale - spiega il presidente Andrea Zampini - abbiamo accolto con molto favore la notizia dell'arrivo del nuovo regolamento. Avendo tra i nostri soci alcune professionalità e competenze nel settore delle imprese abbiamo voluto dare anche il nostro contributo per aumentare le semplificazioni e limitare ulteriormente la burocrazia. Come associazione pensiamo che i cittadini si debbano mettere, senza fini strumentali o dettati dalla convenienza, a disposizione della propria comunità. Così ha fatto Futura nell'elaborare queste proposte. Così ci piacerebbe facesse ogni associazione, ogni gruppo, ogni singolo per il bene di tutta la città». Tra le novità proposte da Futura anche la sospensione della Scia per chi non è in regola con i pagamenti dell'imposta pubblicitaria e l'introduzione di una Scia ulteriormente semplificata per i rinnovi che non presentano modifiche sostanziali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negozi a Falconara, Signorini: «Obiettivo, semplificare e agevolare le imprese»

AnconaToday è in caricamento