Barriere antirumore Rfi, incontro istituzionale e tecnico in Regione: «A fianco dei Comuni»

I Comuni costieri marchigiani prepareranno un documento congiunto che porteranno all’attenzione dei ministri dei Trasporti, dell’Ambiente e della Salute

No a una progettazione “indifferente alle peculiarità territoriali”, sì a scelte condivise con le amministrazioni locali. I Comuni costieri marchigiani prepareranno un documento congiunto che porteranno all’attenzione dei ministri dei Trasporti, dell’Ambiente e della Salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Regione e Anci Marche chiederanno formalmente di essere ricevuti per illustrarlo e conseguire un abbattimento dell’inquinamento acustico con soluzioni contestualizzate al paesaggio coinvolto. Inoltre, in vista della prima conferenza di servizio che riguarderà il Comune di Mondolfo, in programma a Roma il prossimo 9 luglio, le amministrazioni comunali costiere stanno valutando la possibilità di partecipare a livello istituzionale, “per portare una voce univoca marchigiana al Tavolo che discuterà il progetto di Mondolfo”. È quanto emerso dall’incontro politico e tecnico, promosso dalla Regione Marche a Palazzo Raffaello, per coordinare una strategia comune sul Piano di abbattimento del rumore di Rfi (Rete ferroviaria italiana), che prevede il posizionamento di barriere lungo la linea adriatica marchigiana. La riunione, molto partecipata, ha visto la presenza di sindaci, assessori e tecnici comunali. “La posizione della Regione è chiara ed è stata espressa in tutte le sedi istituzionali: appoggiamo le richieste che vengono dai territori, saremo sempre al loro fianco”, ha assicurato la vicepresidente Anna Casini, che ha guidato l’incontro insieme al presidente Anci Marche, Maurizio Mangialardi. “Non dobbiamo muoverci separatamente, ma parlare con voce univoca per pretendere una progettazione contestualizzata al territorio coinvolto”. I Comuni, ha detto Mangialardi, “respingono il progetto di Rfi. Non sono contrari alla velocizzazione del tracciato e all’abbattimento dei rumori, ma occorrono scelte ragionate, calate nella realtà che ospiterà gli interventi previsti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento