Muro, la Regione si allea con i Comuni per il No

Lunga discussione e non mancano assist all'ipotesi di arretrare il tracciato ferroviario. Mastrovincenzo: «Ottimo risultato»

il consigliere Carloni mostra il plastico alla vicepresidente Casini

Alla fine le sei mozioni contro il Muro sul mare, le ormai tristemente famose barriere fonoassorbenti che Rfi vorrebbe realizzare per contenere il rumore dei convogli si sono trasformate in una risoluzione comune votata all'unanimità da tutto il consiglio regionale. Un «ottimo risultato» per il presidente dell'Assemblea Antonio Mastrovincenzo al termine di una lunga discussione durante la quale non sono mancati riferimenti alla necessità di ripensare la linea Adriatica: trasferirla a monte, liberare il mare dalla strada ferrata che, muro o no, comunque divide le città dal litorale.  In aula c'è anche chi, come Carloni, si presenta con un plastico realizzato da un cittadino di Marotta. Per lui «il Muro sarebbe un danno patrimoniale e fisico per i cittadini. Questo è un grande momento per parlare di arretramento ferroviario". Concorda anche Enzo Giancarli (Pd) che quando è stato presidente della Provincia di Ancona di arretramento si era fatto promotore con un progetto che, tuttavia, è rimasto nel cassetto dal 2004. Un vecchio pallino che ritorna perché, dice «è uno degli elementi da prendere in considerazione». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima della discussione la vicepresidente Anna Casini aveva incontrato a un tavolo tanto i Comuni che la stessa Rfi. «La Regione - ha spiegato - ha deciso di appoggiare i Comuni rispetto alle decisioni che prenderanno autonomamente». Spetta alla Regione, in sede di conferenza dei servizi al ministero, il compito di presentarsi con il parere di conformità urbanistica. La vicepresidente ha poi confermato che «Rfi ha già evidenziato le criticità relative alla fase di approvazione dei progetti da parte degli enti locali e procederà secondo le determinazioni che scaturiranno dalle conferenze di servizi. Oggi abbiamo avviato un confronto costruttivo, approfondendo temi tecnici, amministrativi e politici della vicenda, che affronteremo ancora nei prossimi incontri ai quali inviteremo tutti i Comuni marchigiani interessati. Ringrazio tutti gli amministratori comunali presenti che hanno dato vita a un confronto davvero costruttivo e utile per giungere a una soluzione condivisa, secondo le esigenze di ciascuno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento