Mozione congiunta per rilanciare la movida: «La città muore e gli universitari scappano»

Sportello unico, tavolo permanente e “zonizzazione” della città: le proposte di Rubini (Aic), Eliantonio (Fdi) e Quacquarini (M5S)

foto di repertorio

Ancona non è una città per giovani: gli universitari scappano, mancano eventi e chi li organizza è costretto a fare lo slalom tra divieti e intoppi burocratici. Ne sono convinti Francesco Rubini (Aic), Angelo Eliantonio (Fdi) e Gianluca Quacquarini (M5S) che hanno presentato presso la segreteria del Consiglio comunale una mozione sul rilancio dell’intrattenimento, della vita notturna e dell’offerta culturale cittadina, in vista della seduta di lunedì prossimo, 6 maggio. 

Secondo i tre consiglieri, il capoluogo soffre di una carenza strutturale sul piano dell’intrattenimento, soprattutto notturno, non è in grado di proporre un cartellone di eventi interessanti e vive una situazione di stallo, al punto da costringere i 15mila universitari iscritti alle facoltà anconetane a non uscire la sera o andarsene altrove. Per questo, sulla scorta delle idee avanzate dal gruppo “SpingiAmo Ancona” (composto da una settantina di operatori del settore) Rubini, Eliantonio e Quacquarini propongono alcune soluzioni: in primis, istituire un tavolo permanente per il rilancio della movida dorica e modificare il regolamento cittadino in modo da consentire a tutti i locali di estendere fino all’una la fascia oraria notturna per diffondere musica. Secondo, progettare, in collaborazione con le associazioni di categoria, una “zonizzazione” della città in tre aree: isolata (A), abitata (B) e neutra (C) in modo da modulare l’attività di intrattenimento in relazione al contesto urbano, prevedendo deroghe fino alle 4 del mattino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora, istituire trasporti pubblici notturni per collegare il centro ai quartieri periferici, come Tavernelle e Torrette, popolati da universitari; prevedere varianti al piano regolatore per individuare aree in centro adibite all’apertura di locali notturni; creare uno “Sportello unico eventi del cittadino” per snellire le procedure nell’organizzazione di eventi; mettere a disposizione delle realtà associative, sociali e culturali, aree verdi e immobili comunali per iniziative autogestite; infine, favorire l’utilizzo del Palarossini per l’intrattenimento giovanile a prezzi agevolati, con costi d’affitto ridotti fino all’80%. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento