Marche zona arancione, Carloni: «Si a cerca e raccolta del tartufo»

Lo sottolinea il vicepresidente e assessore all’Agricoltura Mirco Carloni in riferimento all’ordinanza del Ministero della Salute con la quale la regione Marche è sottoposta alle misure restrittive della cosiddetta “zona arancione”

Tartufo (foto di repertorio)

«L’attività di cerca e raccolta dei tartufi, laddove rappresenta attività lavorativa, è consentita, nel rispetto delle norme sanitarie di prevenzione del contagio, anche al di fuori del proprio Comune di residenza, domicilio o abitazione, a condizione che il raccoglitore abbia sempre con sé il tesserino di abilitazione alla cerca e raccolta in corso di validità; copia della ricevuta del versamento della tassa regionale dell’anno in corso; copia dell’attestazione del versamento per sostituto di imposta del modello F24 se non titolare di Partita IVA specifica. La raccolta amatoriale o hobbistica dei tartufi nonché quella dei funghi può essere invece effettuata esclusivamente nel Comune di residenzaÏ.

Lo sottolinea il vicepresidente della Regione Marche e assessore all’Agricoltura Mirco Carloni in riferimento all’ordinanza del Ministero della Salute con la quale la regione Marche è sottoposta alle misure restrittive della cosiddetta “zona arancione” di cui all’articolo 2 del DPCM 03 novembre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Le bottiglie si riciclano al supermarket: previsti sconti sulla spesa

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

Torna su
AnconaToday è in caricamento