Marche in stagnazione economica, la Lega: «Immobilismo della Giunta regionale»

Così il Senatore Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche, e il consigliere regionale Mirco Carloni fanno il punto della situazione a seguito della presentazione di ieri da parte della Banca d’Italia dell'aggiornamento sui dati dell'economia marchigiana

Paolo Arrigoni

“Le Marche sono in una condizione ormai cronica di stagnazione economica e si stanno sempre di più allontanando dalle economie regionali dei territori in crescita. In questo contesto non sono state messe in campo politiche a sostegno dell’industria calzaturiera e di quella mobiliera, la Regione Marche non ha creduto nell'internazionalizzazione delle imprese mentre proprio su alcuni mercati la domanda di prodotti come quelli delle aziende marchigiane è molto richiesta”. Così il Sen. Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche, e il consigliere regionale Mirco Carloni fanno il punto della situazione a seguito della presentazione di ieri da parte della Banca d’Italia dell'aggiornamento sui dati dell'economia marchigiana.

“Tutti i dati a disposizione fanno emergere un quadro preoccupante – continuano gli esponenti leghisti - nella prima parte del 2019 è proseguito il calo demografico delle imprese marchigiane: a fine giugno il numero di imprese attive era inferiore dell’1,2% rispetto a dodici mesi prima, pari a circa 1.750 unità in meno! Inoltre il calo dei prestiti bancari alle imprese si è intensificato, il numero degli occupati è calato e il tasso di disoccupazione, pur mantenendosi inferiore alla media italiana, è tornato a crescere”. “Tra le principali competenze della Regione Marche che impattano sull'economia ci sono quelle sull'agricoltura e la pesca, e proprio in questo settore la Banca d'Italia ha rilevato il calo maggiore di imprese attive (-2,5%), anche per il ritardo sulla spesa effettiva dei contributi europei all'interno del piano sviluppo rurale”.

“La preoccupazione deve diventare azione prima che questa stagnazione diventi irreversibile”, concludono Arrigoni e Carloni. “Ci auguriamo che le elezioni della prossima primavera, in cui i marchigiani potranno finalmente mandare a casa la Giunta Ceriscioli e il suo immobilismo, non arrivino troppo tardi, poiché è sotto gli occhi di tutti che se non verranno messe in campo il prima possibile azioni concrete andremo incontro a un inesorabile e più pesante declino economico della regione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento