Marche in stagnazione economica, la Lega: «Immobilismo della Giunta regionale»

Così il Senatore Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche, e il consigliere regionale Mirco Carloni fanno il punto della situazione a seguito della presentazione di ieri da parte della Banca d’Italia dell'aggiornamento sui dati dell'economia marchigiana

Paolo Arrigoni

“Le Marche sono in una condizione ormai cronica di stagnazione economica e si stanno sempre di più allontanando dalle economie regionali dei territori in crescita. In questo contesto non sono state messe in campo politiche a sostegno dell’industria calzaturiera e di quella mobiliera, la Regione Marche non ha creduto nell'internazionalizzazione delle imprese mentre proprio su alcuni mercati la domanda di prodotti come quelli delle aziende marchigiane è molto richiesta”. Così il Sen. Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche, e il consigliere regionale Mirco Carloni fanno il punto della situazione a seguito della presentazione di ieri da parte della Banca d’Italia dell'aggiornamento sui dati dell'economia marchigiana.

“Tutti i dati a disposizione fanno emergere un quadro preoccupante – continuano gli esponenti leghisti - nella prima parte del 2019 è proseguito il calo demografico delle imprese marchigiane: a fine giugno il numero di imprese attive era inferiore dell’1,2% rispetto a dodici mesi prima, pari a circa 1.750 unità in meno! Inoltre il calo dei prestiti bancari alle imprese si è intensificato, il numero degli occupati è calato e il tasso di disoccupazione, pur mantenendosi inferiore alla media italiana, è tornato a crescere”. “Tra le principali competenze della Regione Marche che impattano sull'economia ci sono quelle sull'agricoltura e la pesca, e proprio in questo settore la Banca d'Italia ha rilevato il calo maggiore di imprese attive (-2,5%), anche per il ritardo sulla spesa effettiva dei contributi europei all'interno del piano sviluppo rurale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La preoccupazione deve diventare azione prima che questa stagnazione diventi irreversibile”, concludono Arrigoni e Carloni. “Ci auguriamo che le elezioni della prossima primavera, in cui i marchigiani potranno finalmente mandare a casa la Giunta Ceriscioli e il suo immobilismo, non arrivino troppo tardi, poiché è sotto gli occhi di tutti che se non verranno messe in campo il prima possibile azioni concrete andremo incontro a un inesorabile e più pesante declino economico della regione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

  • Party abusivo al porto, in consolle c'era pure il Dj: ora sono guai per il titolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento