Contributi per la ripresa dello spettacolo dal vivo, approvata la mozione firmata da Micucci

Il capogruppo: «Occorrono risorse per far ripartire il settore duramente colpito dall'emergenza Covid»

foto di repertorio

ANCONA – Via libera ieri, 26 maggio, dell'Aula alla mozione, a firma dei consiglieri Francesco Micucci, Andrea Biancani e Francesco Giacinti, per il sostegno al mondo dello spettacolo dal vivo, in sofferenza a causa delle misure di lockdown per l’emergenza epidemiologica. Un settore che nella regione dà lavoro a circa 6mila persone producendo un fatturato complessivo superiore a 40 milioni. «Un settore rimasto ai margini nella vicenda Coronavirus, ma duramente colpito – afferma il capogruppo Micucci –. Colpiti sono stati i lavoratori, non solo gli attori, ma anche tutte le maestranze, e colpito è stato il pubblico, privato in questi mesi per cause di forza maggiore, dei luoghi della cultura e della socialità. Occorrono, dunque, risorse per far ripartire lo spettacolo dal vivo, sia come sostegno ai lavoratori sia come sostegno alla cultura ed alla socialità. Alcuni soggetti si stanno organizzando per riprendere, in sicurezza e nelle modalità consentite, l'attività – prosegue Micucci –, penso a Musicultura ed anche allo Sferisterio, ma auspico che anche le realtà più piccole e che hanno meno rilevanza mediatica possano, anche con un aiuto ripartire».

Attraverso la mozione si chiede all’Esecutivo di prevedere un fondo flessibile di emergenza per sostenere imprese e lavoratori del comparto e garantire, anche per l'annualità 2020, i contributi regionali agli enti di spettacolo, prevedendo deroghe sulla rendicontazione delle attività effettivamente svolte e forme di sostegno alla liquidità delle imprese. L’atto, inoltre, impegna la Giunta a finanziare “l’adattamento dei luoghi dello spettacolo ai nuovi protocolli di sicurezza” e a mettere in campo “iniziative per riavvicinare il pubblico allo spettacolo dal vivo e in generale a tutte le manifestazioni culturali e artistiche”. Attraverso la mozione si sollecita, inoltre, l’Esecutivo regionale a spingere sull’acceleratore per quanto riguarda l’utilizzo e l’erogazione di finanziamenti europei e modificare il Piano regionale della cultura, per “riprogrammare un’offerta che si adatti ai nuovi scenari economici, sociali e sanitari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento