Marche, proposta l'abolizione della superficie minima per cani detenuti all'aperto

Le guardie zoofile OIPA: «La modifica peggiorativa toglierebbe un parametro certo per sanzionare chi non detiene correttamente gli animali»

Foto di repertorio

Nessuna regola che stabilisca in quanto spazio debbano essere detenuti i cani di privati che vivono all’esterno delle abitazioni. Questa la proposta di modifica del Regolamento di attuazione della Legge Regionale 10/97 sul randagismo firmata dal Consigliere Regionale Federico Talè (Italia Viva) e alcuni consiglieri del PD, secondo i quali sarebbe da eliminare il parametro di 8 metri quadrati previsti come superficie minima all’interno della quale detenere un cane.

«Una proposta inaccettabile sia perché va a modificare in maniera peggiorativa un Regolamento valido e creato grazie alla collaborazione tra politica e associazioni di protezione animali, sia perché andrebbe a minare gravemente la possibilità di comminare sanzioni amministrative durante i controlli di guardie zoofile e forze dell’ordine togliendo un parametro certo a cui fare riferimento. Senza un indicatore chiaro la valutazione dipenderebbe dal parere soggettivo dell’agente, lasciando spazio a controversie e quindi ad un’applicazione della legge confutabile, mettendo inoltre in discussione la funzione preventiva che deve avere un regolamento come quello in esame  – sottolinea Rocco Coretti, coordinatore regionale guardie zoofile OIPA per le Marche -  Sempre più spesso, durante i nostri controlli, ci troviamo di fronte a box fatiscenti, costruiti alla meno peggio con materiali di recupero: non dare neanche indicazioni minime rispetto alle dimensioni lascerebbe spazio ad una situazione completamente deregolamentata. È inoltre importante ricordare che andare a limitare ulteriormente lo spazio di vita di animali già costretti costantemente alla detenzione in box e recinti va a minare in maniera incontrovertibile il loro stato fisico e psicologico».

Le principali associazioni della Regione hanno quindi chiesto al Consiglio di essere ricevute per esporre le motivazioni contrarie a tale proposta e fare appello al buon senso e sensibilità dei consiglieri che non hanno firmato affinché prendano le distanze da quello che sarebbe passo nella direzione contraria rispetto al volere della collettività che ama e tutela gli animali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sono tante le Amministrazioni Comunali che stanno creando sinergie tra gli uffici preposti e le associazioni animaliste locali, proprio per poter aggiornare e migliorare tale convivenza, attraverso regolamenti validi e sempre più sensibili, sarebbe grave se proprio la regione Marche si muovesse in senso opposto» conclude Coretti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento