Riviera flagellata ma la stagione turistica non si ferma, Lega: «Pronti a riaccogliere i turisti»

Bilò e Mariani, accompagnati dal sindaco di Sirolo Filippo Moschella, hanno visitato la zona artigianale del paese

Al lavoro per sistemare la spiaggia di Numana dopo il maltempo

«I violenti temporali che si sono abbattuti sulle cittadine rivierasche di Numana e Sirolo non fermeranno la stagione turistica e già questo fine settimana saremo pronti per riaccogliere i turisti». Questa è la dichiarazione dei sindaci Gianluigi Tombolini e Filippo Moschella, fatta ieri pomeriggio durante la visita del coordinatore provinciale della Lega Milco Mariani e di quello di Numana Mirko Bilò (foto in basso) che si sono voluti rendere conto di persona dei danni e delle problematiche causate dal maltempo alla stagione turistica da poco iniziata.

«Pochi minuti dopo il nubifragio di mercoledì, Mirko Bilò ci ha tenuti aggiornati sui danni ingenti causati alle strutture balneari, mentre il senatore Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche, si è messo subito in contatto con il Prefetto D'Acunto e con il Capo Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli» ha spiegato il coordinatore provinciale di Ancona Milco Mariani. «Come Lega ci uniamo al ringraziamento dei sindaci per lo sforzo sostenuto dai cittadini, dai volontari e dai militari dell'Arma dei Carabinieri per il ripristino della viabilità e per la fruizione delle spiagge».

Bilò e Mariani, accompagnati dal sindaco di Sirolo Filippo Moschella, hanno visitato la zona artigianale del paese, dove i danni maggiori li hanno subiti diversi capannoni e il patrimonio silvestre lungo la strada provinciale. «La visita successiva alle attività balneari numanesi – continuano Mariani e Bilò – è stata molto toccante per le testimonianze dei titolari degli stabilimenti Lido Azzurro e Marino: le due strutture che hanno subito le maggiori devastazioni. Siamo stati colpiti dal grande orgoglio dimostrato, dalla volontà di riaprire il prima possibile e dalla responsabilità che sentono verso i loro clienti e i loro dipendenti. I due amministratori comunali ci hanno confermato che solleciteranno la Regione Marche perché faccia richiesta dello Stato di Emergenza. Nel momento in cui la Regione sottoporrà la richiesta al Governo, il senatore Arrigoni seguirà attentamente l'iter perché venga accolta nel più breve tempo possibile». 

Potrebbe interessarti

  • Bagno dopo pranzo e rischio congestione, facciamo chiarezza con una tabella

  • Caldo, è il giorno di fuoco: i consigli dei farmacisti per superare l'emergenza

  • "Viagra naturale" e fonte di vitamine, ma il peperoncino può anche far male

  • Concorso Polizia Municipale, parte il corso di preparazione con prove simulate

I più letti della settimana

  • Riviera devastata e stabilimento in ginocchio: la spiaggia che non esiste più

  • Ancona sommersa: allagati negozi e abitazioni, traghetto perde gli ormeggi

  • Bomba d'acqua. Tombini saltati, alberi caduti sulle strade e allagamenti: è il caos

  • Malore in galleria, sbanda e si schianta contro un'altra auto: atterra l'eliambulanza

  • «Aiuto mi hanno violentata», choc al Passetto: soccorsa ragazza in lacrime

  • Numana post apocalittica, stabilimenti in ginocchio: «40 anni di lavoro buttati»

Torna su
AnconaToday è in caricamento