Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Nelle Marche autorizzate le lezioni a distanza

Lo ha deciso la giunta regionale su proposta dell'assessore regionale al Lavoro, Loretta Bravi, per tutto il periodo di sospensione delle attivita' didattiche e formative dovuto all'emergenza Coronavirus

Loretta Bravi

ANCONA - Tutti gli enti che si occupano di formazione, riconosciuti o finanziati dalla Regione Marche, sono autorizzati a sostituire le lezioni frontali d'aula con le lezioni a distanza nel rispetto delle indicazioni previste da specifiche linee guida. Tali indicazioni valgono sia per i corsi autorizzati dalla Regione Marche che per i corsi finanziati dalla stessa amministrazione compresi quelli con risorse del Por-Fse 2014/20. Lo ha deciso la giunta regionale su proposta dell'assessore regionale al Lavoro, Loretta Bravi, per tutto il periodo di sospensione delle attivita' didattiche e formative dovuto all'emergenza Coronavirus. A riportare la notizia l'Agenzia Dire.

"In considerazione del protrarsi dello stato di emergenza epidemiologica- spiega Bravi in una nota- abbiamo predisposto delle linee guida di carattere generale per disciplinare le procedure attuative delle azioni formative, prevedendo una Fase 2 che consenta di estendere ulteriormente le modalita' a distanza". Le linee guida, che si applicano sino ai termini di sospensione delle attivita' didattiche e formative, consentono la selezione degli allievi con modalita' 'a distanza'. Modalita' 'in presenza' devono essere previste, nel rispetto delle condizioni necessarie ad evitare il contagio, solo nel caso in cui esistano candidati che non dispongano degli strumenti necessari per partecipare alla selezione con modalita' 'a distanza', per non ledere il loro diritto alla formazione. Gli stage non ancora avviati e quelli interrotti prima della sospensione delle attivita', potranno essere sostituiti con project work.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nelle Marche autorizzate le lezioni a distanza

AnconaToday è in caricamento