Al via la raccolta firme contro la localizzazione dell'area vasta a fabriano

Continua la raccolta firme contro la decisione della Regione Marche di collocare a Fabriano la sede di tutte le strutture territoriali della Sanità della Provincia di Ancona è stata pronta e forte

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

 

Ottima riuscita per l'iniziativa promossa da Patto per Jesi in merito alla questione dell'Area Vasta di Fabriano. Oltre 150 firme raccolte in due ore durante il "banchetto" di sabato 24, a cui si aggiungono quelle di domenica scorsa e a quelle che verranno raccolte in occasione del banchetto di sabato 31 p.v. sempre di fronte alla Chiesa delle Grazie. L'iniziativa si è altresì estesa a Senigallia.

La risposta dei cittadini di fronte alla decisione della Regione Marche di collocare a Fabriano la sede di tutte le strutture territoriali della Sanità della Provincia di Ancona è stata pronta e forte.

I firmatari si sono detti contrari alla decentralizzazione e allo spostamento di personale, gran parte del quale non sarebbe disposto a migrare per ovvie ragioni. Non da meno si sono espressi negativamente sullo spreco di denaro per concretizzare l'operazione, denaro che potrebbe essere risparmiato e quindi speso per migliorare i servizi sanitari, già in condizioni critiche.

Ricordiamo che la lista civica Patto per Jesi continuerà la raccolta di firme in ogni incontro con la cittadinanza e previo contatto accedendo al sito internet www.pattoperjesi.it o contattando la sede via telefono o via email all'indirizzo info@pattoperjesi.it.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento