Intesa-Ubi, il sindaco Bacci: «Inspiegabile il silenzio generale della Regione»

Il primo cittadino di Jesi: «La più grande banca italiana sta prendendo il controllo di un primario istituto di credito radicato nelle Marche»

Massimo Bacci, sindaco di Jesi

«Nel generale silenzio della politica regionale, la più grande banca italiana (Intesa) sta prendendo il controllo di un primario istituto di credito fortemente radicato nelle Marche (Ubi), tanto da esserne il principale punto di riferimento per imprese e famiglie». Cosi Massimo Bacci, primo cittadino di Jesi, che aggiunge: «Come sindaco della città che è stata da sempre punto di riferimento del sistema bancario con la presenza di due centri direzionali, mi sono sentito in dovere di scrivere ai vertici di Intesa per rappresentare le aspettative di questo territorio. Abbiamo pagato a carissimo prezzo la fine di Banca Marche, in termini di sportelli e personale, affidamenti e prestiti e Jesi è stato l’unico ente pubblico a denunciare con forza il crac che si stava consumando e le devastanti conseguenze sull’economia, fino a costituirsi parte civile nel processo contro gli ex amministratori». 

«Occorre che, al termine dell’Offerta pubblica di acquisto e scambio di intesa sulle azioni Ubi, non si ripeta lo stesso errore. L‘ultimo rapporto di Banca d’Italia, nell’inquadrare le criticità del sistema produttivo marchigiano, evidenzia che nel primo trimestre 2020 “il credito al complesso dell'economia regionale è tornato lievemente a espandersi”, mentre “il tasso di deterioramento dei prestiti si è portato a fine 2019 su un livello storicamente basso”. Per sostenere gli investimenti delle imprese, per riavviare una vera ricostruzione nell’area del cratere del sisma, per rimettere in moto le opere sia pubbliche che private, è fondamentale che il sistema bancario dia slancio al credito e sostenga fortemente il tessuto produttivo marchigiano».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Siamo una regione che, inserita un tempo e a pieno titolo nel gruppo di quelle regioni che trainavano l’economia nazionale, è progressivamente passata al gruppo di quelle che stanno zoppicando maggiormente, trovando la politica totalmente impreparata ad affrontare una simile situazione - conclude Bacci -. In questo senso, l’operazione di Intesa - se convogliata nella giusta direzione - potrebbe essere una opportunità per le Marche da condividere con tutte le parti in causa: istituzioni, tessuto produttivo, parti sociali e, non ultimo, il personale bancario la cui riconosciuta e storica professionalità rappresenta per la nostra regione, e per Jesi in particolare, un importante valore aggiunto». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento