Politica

Insulti al post ironico, la replica di Bevilacqua: «Ci sono state conseguenze ai seggi»

L'ex commissario cittadino della Lega chiude la questione personale con Pierfrancesco Berardinelli, spiega il post finito nell'occhio del ciclone ma sottolinea le conseguenze alle urne

Prima la risposta volgare al post ironico, poi le scuse (accettate) e infine la precisazione. La questione personale tra Marco Bevilacqua, ex commissario cittadino della Lega e Pierfrancesco Berardinelli, presidente di A2O-Altra Ancona Ora, si chiude con lo stesso Bevilacqua che ha voluto spiegare il senso di quel commento. Allo stesso tempo però l'ex commissario solleva un giallo generato secondo lui proprio dal post condiviso da Berardinelli: «La mia risposta, se pur deprecabile, non era rivolta alla persona di Berardinelli, ma all'autore di una simile castroneria e questo lo si desume dal fatto che anche lui, nella sua risposta cita di testualmente "ho girato un post di altri", cioè non ne è l'autore– ha detto Bevilacqua- Al di là del fatto però, rimane il problema che un simile post ha causato facendo annullare diverse schede in svariati seggi cosa segnalata da scrutatori e rappresentanti Lega». 

La questione risale a domenica scorsa, quando Berardinelli aveva condiviso nella propria bacheca l’invito ironico a barrare contemporaneamente i simboli di Lega e M5S sulla scheda elettorale, per confermare al governo entrambi i partiti. Una burla perché, in realtà, così facendo, il voto viene di norma invalidato. Tra i commenti aveva subito rubato l’occhio quello di Bevilacqua: “Buffoni” e “Figli di gran ....”, parole che per il giovane Berardinelli avevano risvolti amari e personali. Lunedì mattina la telefonata di scuse, accettate dal presidente di A2O-Altra Ancona Ora. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti al post ironico, la replica di Bevilacqua: «Ci sono state conseguenze ai seggi»

AnconaToday è in caricamento