Polveri sottili, i 5 Stelle: «Sforati ancora in città i limiti di pm10 e ozono, salute a rischio»

Così Gianluca Quacquarini, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, riguardo lo sforamento dei limiti del pm10 e dell'ozono nell'ultimo weekend ad Ancona

foto di repertorio

«E dunque ieri si è avuta notizia sforamento dei limiti del pm10 e dell'ozono ad Ancona tramite la centralina di rilevamento di Cittadella, notoriamente una zona non proprio trafficata. Figurarsi in centro che concentrazione di sostanze dannose per la salute si è avuta! Stranamente non si hanno notizie dei dati delle 22 nuove centraline mobili che sono in azione, ci dicono, da maggio scorso. La situazione è comunque preoccupante per il rischio a cui sono esposti gli anconetani, e non solo, ed in particolar modo i bambini, gli anziani e le persone con gravi patologie. Ma il pericolo riguarda tutti indistintamente». Così Gianluca Quacquarini, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, riguardo lo sforamento dei limiti del pm10 e dell'ozono nell'ultimo weekend ad Ancona. 

«Ancora più allarmante - continua Quacquarini - che per l'Amministrazione comunale va tutto bene e che non attui nessuna politica di incentivazione dei mezzi pubblici con il relativo sfruttamento a pieno regime dei parcheggi scambiatori e chiudendo al tempo stesso, soprattutto nei weekend, il centro al traffico veicolare. Viste le tante manifestazioni previste in centro per le festività natalizie credo sia opportuno che le tante persone che animano il centro possano respirare aria il più pulita possibile. Ci si vanta tanto, e giustamente, delle tante presenze negli ultimi weekend in centro. Ma che aria facciamo respirare a queste persone che vengono e ai residenti? Credo che attuando politiche di disincentivazione dell'uso dell'auto e di maggior uso dei mezzi pubblici, il centro sarebbe ancora più frequentato».

«Invece cosa fa questa Giunta e la sua maggioranza a parte sfilare ipocritamente negli scioperi del venerdì di Greta? In passato - conclude - la crociata contro la Stazione Marittima ostinatamente fatta chiudere senza nessuna valutazione obiettiva (persone che arrivano direttamente in centro). E più recentemente con il Progetto del nuovo Parcheggio all'ex Caserma San Martino in pieno centro con la motivazione di "ridurre l'inquinamento ed il traffico". Purtroppo non siamo su "Scherzi a parte", questi, Sindaco, Giunta e i loro yesman dei consiglieri di maggioranza, credono davvero a questo mantra che ripetono per convincersi. In tutto il mondo è risaputo che un parcheggio è invece un attrattore di traffico. Tutta questa operazione poi senza sentire preventivamente i residenti della zona. Beccatevi il Parcheggio è zitti la sintesi dell'incontro del Sindaco con loro dopo aver messo in moto la macchina per attuare questa folle scelta. Incoscienza allo stato puro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • Auto contro bici, investimento-choc: ragazzino portato in codice rosso all'ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento