Inquinamento atmosferico, Di Bitonto: «Il Comune chieda alla Regione di fare la sua parte»

Sulla questione dell'inquinamento atmosferico interviene anche uno degli esponenti dei Verdi di Ancona, Caterina Di Bitonto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Il PM10 polveri sottili, purtroppo rende dannosa la qualità dell'aria nella nostra città questo è un dato di fatto. A questo punto diventa importante piuttosto stabilire che qualcosa deve cambiare in questa città rispetto alle modalità di gestione del traffico cittadino in prima istanza, e quindi pensare ad un impegno maggiore e concreto rispetto al trasporto pubblico locale. Concetto semplice, ma difficile da realizzare, si legge in questi giorni di un possibile aumento del biglietto del bus per il trasporto urbano, 10 cent, cosa questa non scandalosa se l'autobus potesse divenire un mezzo di trasporto frequente e quindi utile per i cittadini per lasciare a casa l'auto. La maggioranza comunale ha approvato una mozione che prevede di affrontare con la Regione il discorso della riattivazione delle centraline, chiediamo di approfittare dell'occasione per chiedere alla Regione di prevedere un finanziamento cospicuo per il TPL (Traproto pubblico locale) atto questo molto utile per un Comune come Ancona per arginare il pericolo PM10.

In tal caso il consiglio comunale potrebbe discutere non solo di ripristinare le centraline per misurare di quanto e quante volte si sforano i livelli massimi di concentrazione di PM 10 nell'aria di Ancona, un inquinamento che purtroppo già esiste, ma anche di come progettare una città dove si possa lasciare l'auto a casa il più possibile senza togliere ai cittadini il tempo ed il modo di raggiungere il proprio posto di lavoro, di studio, di divertimento spendendo la giusta cifra ed essendo soddisfatti. E' forse inutile pensare di focalizzare il dibattito sulle centraline per sapere quante volte i cittadini anconetani hanno rischiato la propria salute, si commette un errore magari bisognerebbe cercare di prevenire ed evitare il rischio.

Caterina Di Bitonto - Verdi Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento