Covid-19, aiuti alle famiglie: no a sanzioni e interessi per ritardi pagamento Imu

Nello stesso è stato stabilito che eventuali ulteriori forme di rimessioni in termini, sospensioni o differimento stabilite da nuove norme di legge più favorevoli, al contribuente saranno fatte proprie

foto di repertorio

JESI - Proseguono gli interventi dell’Amministrazione comunale per attenuare l’impatto di tasse e tributi locali a carico dei contribuenti a seguito dell’emergenza epidemiologica. Va in questo senso anche l’ultimo provvedimento adottato dalla giunta per esentare da sanzioni ed interessi i pagamenti in ritardo per la prima rata Imu la cui scadenza era fissata per ieri. In particolare la giunta ha deciso di proporre al Consiglio comunale, competente per materia, “l’adozione di misure che permettano di contenere il disagio-economico e di ridurre le difficoltà incontrate nell’adempimento delle obbligazioni tributarie, quali la non applicazione di sanzioni ed interessi nel caso di versamento in ritardo della prima rata dell’Imposta municipale Imu, purché il pagamento avvenga entro il 30 settembre 2020”.

Nello stesso è stato stabilito che eventuali ulteriori forme di rimessioni in termini, sospensioni o differimento stabilite da nuove norme di legge più favorevoli, al contribuente saranno fatte proprie. La decisione segue di pochi giorni quella adottata sulla tassa rifiuti. Come noto la scadenza del primo acconto della tassa rifiuti (Tari) per l’anno 2020 è stato differito dal 16 maggio al 16 luglio prossimo. Il Servizio Tributi invierà all’indirizzo dei contribuenti, come di consueto, i modelli di pagamento precompilati relativi al primo acconto. Deroga è stata concessa anche per i termini di pagamento dei piani di rateazione delle entrate tributarie e patrimoniali, da parte di quei contribuenti che hanno scelto la rateizzazione a seguito di avviso di accertamento. Saranno dunque considerati regolarmente effettuati i pagamenti già scaduti, ma che verranno saldati entro il 30 giugno prossimo. L’Amministrazione comunale si è adeguata alle disposizioni di legge che prevedono l’esenzione della Tosap, tassa occupazione suolo pubblico, per i pubblici esercizi nel periodo compreso tra il 1° maggio ed il 31 ottobre (resta confermata invece la Tosap sui passi carrabili). Al riguardo il Comune ha rilasciato nuove autorizzazioni a circa 35 locali tra bar, pub, ristoranti e pizzerie, con la procedura semplificata prevista dalle ultime norme proprio per venire incontro ai pubblici esercizi e assicurare maggiore spazio per i clienti rispetto al locale interno dove il distanziamento sociale prevede una sensibile riduzioni di posti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento