Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Camerano, l'Idv accusa:"Icona fascista sul profilo facebook del Capogruppo di minoranza"

L'immagine risale al 14 febbraio, ma il comunicato stampa è stato diffuso dall'Idv solo oggi. Sotto l'immagine di Mussolini, sopra il motto "Il tradito può essere un ingenuo, ma il traditore è sempre e comunque un infame"

L'immagine risale al 14 febbraio, (come si può leggere dalla data di pubblicazione che appare sotto) ma il comunicato stampa è stato diffuso dall'Idv di Camerano solo oggi. Ecco il testo integrale del comunicato:

"Secondo voi è normale per un rappresentante dei cittadini e delle istituzioni pubbliche condividere icone fascite come per consacrarle?
E’ quello che si sono chiesti alcuni Cameranesi vedendo il profilo facebook di un Consigliere Comunale.
"Il tradito può essere un ingenuo, ma il traditore è sempre e comunque un infame”. Questo link inneggiante al fascismo e con rispettiva firma dell’autore, chissà a chi o cosa si riferisce?
Il Consigliere spesso interviene in Consiglio Comunale richiamando il rispetto della legalità, noi gli ricordiamo che il post pubblicato è molto grave in quanto la legge 20 giugno 1952 n. 645, detta anche Legge Scelba, sancisce il reato commesso da chiunque “pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche”, (ma il Consigliere ohimè lo sa!!).

Ma la cosa peggiore è che il responsabile di tale azione è il rappresentante di un Comune che ha sempre rifiutato qualsiasi attività che ricordi l’oppressione nazi-fascista tanto che nello Statuto “il Comune di Camerano riconosce come fondamento della civile convivenza e dello sviluppo sociale, culturale ed economico di ogni collettività la diffusione di una cultura di pace, di vera uguaglianza fra tutte le razze, i popoli e le religioni, di attiva solidarietà internazionale” e ancora “il Comune di Camerano organizza periodicamente, anche in collaborazione con le Associazioni una serie di iniziative, volte a migliorare la conoscenza dei problemi internazionali, delle situazioni dei popoli che lottano per la libertà e la democrazia, delle necessità di cooperazione allo sviluppo delle economie dei paesi sottosviluppati e/o in via di sviluppo. Il Comune di Camerano si impegna inoltre a porre maggior attenzione ai terzo mondiali, emigranti e nomadi che sono di passaggio o residenti temporaneamente nel territorio anche nel cercare di risolvere le loro situazioni di precarietà, di alloggio e di lavoro nel rispetto delle libertà fondamentali dei diritti dell'uomo. E’ attento infine a far crescere il rispetto e la tolleranza espressioni religiose in minoranza nel nostro Paese”.

Sono passati nemmeno 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale in Italia e alcuni partigiani sono ancora in vita. Persone che hanno vissuto il dramma della dittatura, che sono passati attraverso anni di galera, di torture e di guerra, nella quale hanno visto amici e familiari morire per mano fascista e nazista. Vorremmo sapere da loro cosa pensano dell’incauto gesto di un nostro più che pluriennale rappresentante dei cittadini!!
In un precedente Consiglio Comunale era iniziata involontariamente un’animata discussione sulla questione ma il Consigliere aveva chiesto la costituzione del “fatto personale” pur sapendo che molto probabilmente lui ha insultato apertamente la sensibilità di tutti coloro che credono nella democrazia e disapprovano i crimini compiuti dal regime fascista: la deportazione degli ebrei, l’eliminazione fisica degli oppositori politici, la soppressione della libertà di espressione (non c’è certo bisogno di elencarli tutti…). Forse sono questi cittadini che devono costituirsi per “fatto personale” nei suoi confronti.
Vorremmo chiedere anche all’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani Italiani), istituita pochi giorni fa anche a Camerano, cosa pensano di questa buona pensata del Consigliere di opposizione.

Ci rincresce pensare anche a chi credavamo più moderato e che rappresenta parte della popolazione che senza mezzi termini ha approvato con piacere quanto pubblicato dal Capogruppo di opposizione.
Spero che l’innominato Consigliere si renda conto della gravità di quanto ha fatto, anche se sicuramente la sua tracotanza politica prepondererà sul suo epicureismo personale, e dia come minimo delle scuse per iscritto a tutti i cittadini di Camerano anche se in altri Comuni qualcuno avrebbe già chiesto le sue dimissioni."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camerano, l'Idv accusa:"Icona fascista sul profilo facebook del Capogruppo di minoranza"

AnconaToday è in caricamento