Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica Quartiere Adriatico / Largo XXIV Maggio

I sindacati esclusi dalla consulta dei diritti delle persone con disabilità: «Diamo così fastidio?»

Così la Uil, in un comunicato congiunto firmato anche da Cgil e Cisl, fa notare come, a loro modo di vedere, essi siano visti come soggetti pericolosi

ANCONA – La scorsa settimana è stata ufficialmente ricostituita la consulta dei diritti delle persone con disabilità del Comune di Ancona. C’è però chi protesta per essere stati esclusi da questo importante organo, come i sindacati.

Così la Uil, in un comunicato congiunto firmato anche da Cgil e Cisl, fa notare come, a loro modo di vedere, essi siano visti come soggetti pericolosi: «Difficile da pensare – è infatti così che inizia il - ma, guardando ad atti e comportamenti, è proprio così. Cgil, Cisl e Uil avevano già stigmatizzato il rischio dell’esclusione nel corso di un incontro, mesi fa, con il sindaco, che aveva smentito alcuna volontà in tal senso. Quello della partecipazione del sindacato alle consulte del Comune di Ancona, in realtà, è stato sin dall’inizio un percorso in salita. Già da fine marzo, infatti, attraverso un emendamento al regolamento che istituiva la consulta sulle disabilità, le organizzazioni sindacali non venivano ricomprese». Inoltre «a seguito del dibattito in consiglio e della presa di posizione degli scriventi, fu convocato un incontro con l’assessore Manuela Caucci, nel quale ci fu l’assicurazione che i sindacati confederali sarebbero stati ricompresi negli incontri della consulta. A quanto pare, però, dentro il Comune di Ancona, nonostante le rassicurazioni del sindaco e gli impegni di un assessore, qualcuno preferisce comunque tenere fuori dalla porta Cgil, Cisl e Uil». Da qui sorge loro ‘la’ domanda: «Di che cosa si ha paura?».

La Uil prosegue sottolineando come «su temi che hanno a che fare con le difficoltà quotidiane – è l’opinione dell’organizzazione - che le persone più svantaggiate devono affrontare, come ad esempio la disabilità, sarebbe invece più che mai utile una discussione in una compagine la più ampia possibile. Cgil, Cisl e Uil, rappresentano decine di migliaia di cittadini anconetani, svolgono contrattazione sociale con i servizi sanitari e sociosanitari e, attraverso i propri patronati e Caf, gestiscono migliaia di pratiche riguardanti la disabilità». Per poi aggiungere che «in una società che voglia davvero fare della partecipazione dei cittadini un valore aggiunto, fondamentale per la democrazia, il sindacato è un elemento importante nella lettura delle necessità della cittadinanza e nelle possibili soluzioni ai problemi; peccato che questa amministrazione comunale, almeno in questo caso, non ne abbia dimostrato consapevolezza. Vogliamo anche ricordare – il comunicato prosegue - che la natura stessa delle consulte, non è quella di un organismo con potere decisionale, ma soltanto consultivo e di arricchimento del dibattito e della proposta, a favore della città e dei suoi cittadini. Un tema che oggi abbiamo posto per la disabilità, ma che domani siamo pronti a porre anche per l’eventuale nascita di ulteriori consulte e/o strumenti diversi di partecipazione, per i quali ritenessimo importante la partecipazione propositiva del sindacato confederale. Al dunque, vista l’ufficializzazione della consulta sulle disabilità, le rassicurazioni e le promesse dell’assessore sono cadute nel vuoto, come parole al vento. Se la volta scorsa avevamo espresso sorpresa e sconcerto, stavolta diciamo che il sindacato è fatto da persone serie che vogliono discutere e risolvere i problemi di merito, a cui non ci piace essere prese in giro. Se altri – è la conclusione - non riescono a leggere altro che politichese e schieramenti, allora il prezzo – oggi come domani – rischiano di pagarlo i cittadini. A che pro?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindacati esclusi dalla consulta dei diritti delle persone con disabilità: «Diamo così fastidio?»
AnconaToday è in caricamento