rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Politica Piano / Mercato Piazza d'Armi

«Italia cobelligerante», carovita e spese militari. Rifondazione Comunista dice "no" in piazza d’Armi

Il Partito della Rifondazione Comunista, nell’ambito della campagna contro l’aumento del costo della vita e contro la guerra e per la pace, effettuerà un presidio con volantinaggio presso il Mercato di Piazza D’Armi

ANCONA - Mercoledi 18 Maggio il Partito della Rifondazione Comunista, nell’ambito della campagna contro l’aumento del costo della vita e contro la guerra e per la pace, effettuerà un presidio con volantinaggio presso il Mercato di Piazza D’Armi ad Ancona dalle ore 10. 

«Ci mobilitiamo per affermare la nostra profonda contrarietà al governo Draghi, responsabile di politiche scellerate che non fanno gli interessi delle classi subalterne e popolari. In una fase storica molto negativa- scrive il partito in una nota-  dove l’inflazione corre ma i salari dei lavoratori sono sempre gli stessi, riteniamo inaccettabile che il nostro paese sia, in barba alla costituzione e all’articolo 11, cobelligerante nel conflitto Russo-Ucraino. A differenza di quelle forze politiche o di quei leader politici che oggi si dicono contro l’invio delle armi in quello scenario di guerra, ma che in prima battuta votarono a favore, noi siamo sempre stati contro l’invio delle armi alla cosi detta “resistenza ucraina” consapevoli che mandare al macello e fare morti inutili non servisse proprio a nulla e che bisognasse attivare canali di dialogo e trattative per la pace subito. Con i 38 miliardi spesi in armamenti si sarebbe potuta finanziare una seria riforma della sanità pubblica in forte difficoltà dopo due anni di pandemia di Coronavirus, ma anche finanziare e migliorare settori strategici per il nostro paese come la scuola e i trasporti pubblici locali a servizio delle realtà locali, senza dimenticare ricerca scientifica e transizione ecologica. Chiediamo anche l’uscita del nostro paese dalla Nato, associazione anacronistica e guerrafondaia. Come Partito della Rifondazione Comunista ci sentiamo, per questi motivi, di condividere con i cittadini la nostra preoccupazione».
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Italia cobelligerante», carovita e spese militari. Rifondazione Comunista dice "no" in piazza d’Armi

AnconaToday è in caricamento