Regione, presentata la nuova Giunta Ceriscioli: Mastrovincenzo presidente

Gli assessori Pd sono Cesetti, Bora, Casini e Sciapichetti. Pieroni Uniti per le Marche e Bravi, di Popolari Marche-Udc, è l'unico assessore esterno. Casini è il vicepresidente della Regione, Mastrovincenzo il presidente del Consiglio Regionale

Luca Ceriscioli

Fabrizio Cesetti (provincia di Fermo), Manuela Bora (Provincia di Ancona), Anna Casini (Provincia di Asvoli Piceno) ed Angelo Sciapichetti (Provinia di Macerata) per il Pd. Moreno Pieroni (Provincia di Ancona) per Uniti per le Marche e Loretta Bravi (Provincia di Pesaro Urbino) di Popolari Marchec-Udc. Ecco i sei assessori della giunta Ceriscioli. Cinque interni e un unico esterno, ovvero Loretta Bravi, professoressa della provincia di Pesaro Urbino, esperta e appassionata delle aree interne. Ceriscioli lo aveva annunciato e così è stato. In giunta tre uomini e tre donne e ogni territorio rappresentato. Il presidente della Regione ha ufficializzato quest'oggi durante la prima seduta della decina legislatura, i nomi degli assessori, le cui deleghe saranno assegnate domani. Ceriscioli ha anche precisato che Anna Casini è il vicepresidente della Regione Marche.

«E' stato abbastanza complesso arrivarci ma siamo riusciti ad avere una giunta con tre uomini e tre donne. Nella giunta sono rappresentati tutti i territori, ogni provincia ha almeno un assessore così che ognuno possa dare un contributo laddove oggi opera per spingere sempre più verso una visone regionale della politica- commenta Luca Ceriscioli-. La scelta poi di cinque interni e un solo esterno è un segno di grande attenzione e rispetto alla sobrietà, una delle parole d'ordine sin dall'inizio del mandato. Puntare su cinque assessori interni significa aver fatto una scelta dove si utilizzano al massimo le risorse che andrebbero investite sul Consiglio regionale, anche sulla giunta. La fase di rinnovamento continua».

La prima seduta dell'Assemblea legislativa è stata presieduta da Gianni Maggi (M5S) in quanto consigliere più anziano. Su proposta del portavoce del gruppo Pd Gianluca Busilacchi, l'aula ha deciso di rinviare l'elezione dell'ufficio in quanto il 3 luglio entrerà in vigore il nuovo statuto. E' invece stato eletto con 22 voti a favore, il dem Antonio Mastrovincenzo, nuovo presidente del Consiglio regionale delle Marche. Tra i 31 votanti, 22 schede valide e 9 bianche. «Il numero ridotto dei consiglieri regionali - ha detto - deve indurci a lavorare di più e meglio per i cittadini anche per dare risposte concrete alla disaffezione e al senso di diffidenza dei cittadini verso le istituzioni».

Il presidente della Regione Luca Ceriscioli ha riassunto i punti più importanti delle quaranta pagine di programma "costruito con i marchigiani". La priorità numero 1 è il lavoro. «Recuperare competitività, rilanciare l'economia, ridare un futuro ai marchigiani in termini occupazionali. Lavorare quindi sui profili di crescita e sviluppo. Secondo punto i servizi, sia sociali che della salute» afferma Ceriscioli. E ancora risorse europee, facendo anche leva sulla Macroregione Adriatico Ionica, credito, infrastrutture immateriali e materiali, semplificazione e sburocratizzazione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

  • Esce dal reparto di ortopedia e finisce direttamente al Pronto Soccorso

  • Le Marche dicono no al 5G, approvata la mozione dei Verdi: «Rischi per l'uomo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento