Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica Falconara Marittima

Massimo due mandati, niente giunta per Astolfi e Mondaini

Lo prevede lo Statuto Comunale e ora il nuovo sindaco Signorini dovrà valutare le alternative. Nodo Bilancio: chi al posto del commercialista che ha guidato il risanamento?

Nemmeno il tempo di prendere possesso del nuovo ufficio al Castello che per il neo sindaco Stefania Signorini è subito tempo di organizzare la nuova giunta comunale. Nel corso della campagna elettorale e subito dopo la vittoria la prima cittadina ha sempre parlato di un mix di esperienza e di volti nuovi. Questi ultimi saranno molti più del previsto. Lo Statuto Comunale prevede infatti il limite dei due mandati per gli assessori. Il che vale sicuramente per Matteo Astolfi (titolare dal 2008 dei Lavori Pubblici) e per Raimondo Mondaini. Se per il primo già c'era un dubbio per far entrare nell'esecutivo Yasmin Al Diry (moglie, o l'uno o l'altra hanno ritenuto opportuno gli stessi), il secondo lascia una pesante eredità. Mondaini è stato, dopo un primo periodo gestito da Marina Mancini, l'uomo dei conti comunali. L'assessorato al Bilancio che più di tutti ha influenzato l'operato dell'amministrazione. Quello che fa quadrare i conti passati da un indebitamento di oltre 83 milioni di euro a circa 55 milioni. Chi sarà in grado di sostituirlo?

Lo Statuto non chiarisce se i mandati siano da considerare pieni. Se così non fosse la giunta sarebbe preclusa anche per Clemente Rossi, in giunta negli ultimi due anni del primo Brandoni e per tutta la passata legislatura. Tra gli uscenti, invece, nessun problema per Giorgia Fiorentini entrata nell'esecutivo nell'aprile del 2016. Per lei il discorso è un altro. Nella composizione della giunta vanno considerati gli equilibri tra genere. La legge Delrio prevede almeno uno dei due generi sia rappresentato almeno al 40%: 2 su 5 insomma. Questione che si era presentata proprio quando la Fiorentini era entrata in giunta al posto di Michele Chiappa. Dando per assodata la presenza del sindaco uscente Goffredo Brandoni e immaginando Al Diry e Valentina Barchiesi in quota Fim occorrerà dotarsi di cesello. Conferma di Fiorentini o spazio alla debuttante Caterina Serpilli? Da considerare anche gli equilibri interni tra Fim e Upf. La prima potrebbe far pesare il risultato elettorale chiedendo la presidenza del consiglio comunale. Tanti interrogativi che dovranno trovare una risposta nei prossimi giorni, in vista del primo consiglio comunale con l'insediamento, la presentazione della nuova amministrazione e il voto sugli indirizzi di mandato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimo due mandati, niente giunta per Astolfi e Mondaini

AnconaToday è in caricamento