Regione, Pd spaccato sulla Giunta: Marcolini resta fuori e scoppia la polemica

L'area Pd a sostegno di Marcolini punta il dito contro il segretario regionale del Pd Francesco Comi per la mancata nomina dell'ex assessore al Bilancio e parla di mancato rispetto del patto all'interno del Partito Democratico delle Marche

Pietro Marcolini

«Ottimo lavoro fatto dal Presidente. Buon lavoro alla squadra del cambiamento scelta dai cittadini (sono i più votati) e non dalle correnti». Se da una parte il segretario regionale del Pd Francesco Comi esprime soddisfazione per le nomine degli assessori e delle deleghe a loro assegnate dal presidente della Regione Luca Ceriscoli, dall'altra parte l'area dem a sostegno di Pietro Marcolini parla di mancato rispetto del patto all’interno del Partito Democratico delle Marche. Dunque Pd spaccato e scoppia la polemica.

«La Direzione regionale del Pd e l’Assemblea regionale avevano sancito, all’indomani delle primarie, una corresponsabilità nel governo delle Marche dei due principali protagonisti. Su questa base è stata possibile un’azione forte di tutto il partito nella campagna elettorale che ha portato nelle Marche al successo del centrosinistra - fa sapere Marcolini con una nota stampa  - Purtroppo il venir meno dell’indicazione di Pietro Marcolini nella giunta regionale risulta incomprensibile a tanti sostenitori del Pd e del centrosinistra e priva il governo regionale di un apporto determinante per esperienza e competenza. Questo è il frutto di un’azione personalistica d’interdizione del segretario regionale del Pd che ha perseguito i suoi obiettivi, senza riunire mai dopo le elezioni gli organismi (Esecutivo, Direzione, Assemblea), cosa gravissima, ed ha condizionato il Presidente Ceriscioli in scelte ondivaghe, venendo meno lui stesso agli impegni presi prima della campagna elettorale».

«Ho cercato in tutti i modi di portare avanti il mio impegno. Ad esempio nel caso di Pietro Marcolini serviva la deroga per il terzo mandato in giunta che dal partito non è mai arrivata. Quindi alla fine si è composto tenendo conto di quello che era possibile fare». E' la risposta di Luca Cerisicoli alle polemiche riguardo la formazione della nuova giunta regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

  • Esce dal reparto di ortopedia e finisce direttamente al Pronto Soccorso

  • Le Marche dicono no al 5G, approvata la mozione dei Verdi: «Rischi per l'uomo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento