menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gioventù Nazionale — con Giacomo Toccaceli, Nicola Capodagli, Alessia Ferri, Piermarco Paci Fumelli e Alessandro Urbinelli al Arco d'Augusto

Gioventù Nazionale — con Giacomo Toccaceli, Nicola Capodagli, Alessia Ferri, Piermarco Paci Fumelli e Alessandro Urbinelli al Arco d'Augusto

Gioventù Nazionale davanti ai monumenti marchigiani: «senza storia non c'è futuro»

Da Fano ad Ancona il movimento giovanile di Fratelli d'Italia ha intrapreso un percorso a tappe per riscoprire la storia di questi monumenti

Gioventù Nazionale Marche, movimento giovanile ufficiale di Fratelli d'Italia, hanno deciso di mettersi davanti ai monumenti più famosi di città come Fano, Macerata e Ancona: «A difesa  - dicono nel comunicato - della memoria storica del nostro popolo».  Queste le motivazioni del gesto eclatante: 

«Una battaglia che Gioventù Nazionale ha promosso su tutto il territorio nazionale dopo che nelle scorse settimane molte statue fra cui Churchill, Colombo, Montanelli, persino Giulio Cesare, sono state oltraggiante in ogni modo. Senza storia, non c’è futuro»

Poi seguono ad elencare le tappe del loro gesto:«Abbiamo iniziato dalla statua di Ottaviano Augusto a Fano. Augusto, Primo Imperatore di Roma, riconosceva uno status particolare alla penisola italiana dividendola in 11 Regiones. L’Italia assunse la conformazione territoriale di cui ancora oggi permane la traccia tanto nella nomenclatura delle nostre attuali Regioni quanto nell’identità secolare dei nostri territori. Nel mentre, anche ad Ancona i nostri ragazzi si immortalavano davanti al Monumento ai Caduti del Passetto. Un’opera straordinaria. Dal mare l’intero complesso assume il profilo di un’aquila, simbolo della tenacia, del coraggio e del valore dei nostri antenati. In provincia di Macerata abbiamo presidiato il complesso monumentale dedicato alla Medaglia d’Oro al Valor Militare Filippo Corridoni, sintesi tra la lotta per la libertà della Patria dal giogo straniero e quella sociale, per il lavoro, atto valoroso sempre degno e nobile, e per la dignità dei lavoratori».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento