Disoccupazione e zero ricostruzione post sisma, «il Pd ha fallito»: Forza Italia riparte dai giovani

«Siamo in una fase straordinaria e la Regione Marche deve agire con strumenti idonei capaci di dare risposte alla nostra gente» ha detto il senatore Remigio Ceroni

Remigio Ceroni con i giovani di Forza Italia Marche

Le Marche sono la Regione più colpita dal sisma con ben 87 comuni terremotati contro i 14 dell'Abruzzo e in 15 ciascuno di Lazio e Umbria.
Questa situazione impone un' attenzione da parte del Governo verso la Regione Marche più significativa. Gli amministratori locali con difficoltà fronteggiano lo stato di emergenza, poiché ostacolati dalla burocrazia. Dopo oltre nove mesi poco è stato fatto, la ricostruzione è inesistente. L'entroterra rischia il definitivo spopolamento e il conseguente depauperamento dell'economia già fortemente compromessa.

La pensa così il gruppo di Forza Italia Marche che, in una conferenza stampa, ha ribadito di chiedere un immediato cambio di passo. «Siamo in una fase straordinaria e la Regione Marche deve agire con strumenti idonei capaci di dare risposte alla nostra gente così come fece il presidente Berlusconi a L'Aquila nel 2009 - ha detto Remigio Ceroni, Senatore e Coordinatore Regionale Forza Italia - La ricostruzione nelle Marche sta avendo un meccanismo lento e farraginoso, c'è disorganizzazione; i cittadini cominciano a pensare che la Regione non voglia occuparsi più di tanto delle emergenze dei territori. Rallentamenti troppo marcati, con sopralluoghi fatti a Febbraio che ancora non hanno visto i responsi e la stragrande maggioranza dei progetti presentati che devono essere ancora visionati e approvati. Un immobilismo inaccettabile, a sette mesi dal sisma di ottobre».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alessio Pagliacci, coordinatore Regionale Forza Italia Giovani ha invece ribadito come «la disoccupazione, e in particolare quella giovanile, non dà segnali di diminuzione. Cresce il mondo del precariato, il ministro Poletti nel suo mandato oltre a frasi estemporanee e fuori luogo, non è stato in grado di dare risposte. Il partito democratico ha delle responsabilità evidenti che sono sotto gli occhi di tutti. Il movimento 5 stelle con le sue proposte fa solo demagogia e non risolve i problemi delle famiglie e delle imprese. Forza Italia è l'unica forza politica che si sta battendo per ascoltare i cittadini e sostenere nelle istituzioni le proposte della società civile e delle professioni. Forza Italia nelle Marche riparte dando spazio e sostegno al movimento giovanile così come vuole il Presidente Berlusconi. È fondamentale creare e formare una nuova classe dirigente leale e coerente al disegno politico di Forza Italia. Tanti ragazzi anche quest'anno sono in prima linea alle elezioni amministrative»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento