menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Consigliere comunale Francesco Rubini

Il Consigliere comunale Francesco Rubini

«Ancona schiava di un sindaco autoritario, ecco cosa avrei voluto io per l'ex Metro»

Il consigliere comunale Francesco Rubini (SEL-ABC) rispodne così al commento del sindaco Valeria Mancinelli di fronte ai critici sulla scelta di aprire la catena di moda H&M all'ex metropolita

«La mia era una critica molto più ampia rispetto al fatto specifico dell’apertura di H&M, era una critica alla mancanza di progettualità di questa città che negli ultimi 20 anni ha svuotato il centro slabbrando la città a sud e adesso cerca di rilanciarlo con la maldestra strategia della grande catena basata sul massimo sfruttamento e la minima qualità». Risponde così il consigliere comunale Francesco Rubini (SEL-ABC) al commento del sindaco Valeria Mancinelli che, nel rispondere ai critici sulla scelta di aprire la catena di moda H&M all’ex metropolitan, aveva usato parole dure. Parole mal digerite da una parte di opposizione, tra cui appunto Rubini, che prosegue: «La mia critica era nel merito e il sindaco invece di rispondere nel merito, é caduta in attacchi personali. Questo é uno dei più gravi, comunque lesivo di chi ha davvero problemi psichiatrici. Tra l’altro nella sua maggioranza c'è il consigliere Roberto Grelloni, che lavora proprio nel settore e mi chiedo se non abbia nulla da dire. Il sindaco  dovrebbe rappresentare tutta la città e mantenere un profilo molto più ragionevole, ma la cosa ancora più grave è che nessuno della maggioranza o del Pd abbia avuto nulla da ridire. Ad Ancona c’è l’azzeramento totale della dialettica politica. E’ una città schiava di un sindaco autoritario, irrispettoso e dai modi violenti».

Dunque quale sarebbe stato il progetto, l’altra idea per l’ex Metropolitan? Non avrei cambiato la destinazione d’uso lasciandola a destinazione culturale. Avrei lavorato per inserire dei circoli, sala audiovisiva, un teatro, un caffè letterario, luoghi in cui si unisce il cibo, la lettura e la studio come in altre città. Percorsi diversi». E allora perché non provare a lavorare su questo con il Partito Democratico? «Mi sarebbe piaciuto confrontarmi su questo  con la maggioranza ma ogni volta che ci provavamo la risposta era l’insulto diretto o la frase: “Eh ma preferivi l’impalcatura?”». Lei preferiva l’impalcatura Rubini? «No. E l’idea di pensare che chi era critico con la catena è chi vuole il cantiere è un sillogismo fraudolento, anche perché ci tengo a precisare che questo punto di vista ha anche riscosso il favore di una certa parte di città. Ma per farlo bisogna mettere mano a tante variabili che vanno oltre l’ex Metro. L’idea che ho io di centro città richiede anche una radicale rivista della viabilità, ampliando la Ztl a tutti i corsi, con un centro dove è più integrata la mobilità pedonale e ciclabile. Questo serve poi per costruire una serie di locali legati al piccolo commercio locale e non alle catene». Ci voleva un gran lavoro di concerto. «L’ho sempre detto che il Comune rispetto alla proprietà privata ha gli strumenti politici per imprimere la sua traccia e questa di H&M è una scelta politica. Da anni si discute per convocare tavoli permanenti con soggetti privati e associazioni per una politica sugli affitti per esempio. Ma il punto è che si va avanti per varianti isolate, arriva il privato che chiede la variante di destinazione d’uso e si apre un negozio ma senza idea di lungo periodo. Qui si governa giorno dopo giorno». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento