Bilancio, Fiorillo: “Nessuna difficoltà, lunedì si vota su bilancio, Stabile e debiti”

Così l'assessore alle Politiche finanziarie: "Sottoporremo al Consiglio l'approvazione di tre punti: un atto di indirizzo sul futuro del teatro, 31 riconoscimenti di debiti fuori bilancio, la salvaguardia degli equilibri di bilancio"

L'assessore alle Politiche finanziarie Fabio Fiorillo

“Le voci sulle supposte difficoltà di bilancio del Comune di Ancona sono quantomeno esagerate”. Così l’assessore alle Politiche finanziarie Fabio Fiorillo. “Lunedì  – prosegue – sottoporremo al Consiglio l’approvazione di tre punti: un atto di indirizzo sul futuro del teatro, 31 riconoscimenti di debiti fuori bilancio,  la salvaguardia degli equilibri di bilancio.

E’ certo una mole di lavoro sia per gli uffici comunali sia per i Revisori dei conti che ringrazio della collaborazione. Il parere del Collegio è obbligatorio, è norma di legge.  Fantasie su voti senza questo parere sono, appunto, fantasie.

Riguardo i debiti fuori bilancio ricordiamo che hanno tutti copertura finanziaria e che sono obblighi a pagare che il Comune deve per forza riconoscere.
La giurisprudenza in materia è cambiata: la nuova Amministrazione ha scelto di allinearsi a quella più avanzata, quindi ha portato tutti i debiti al vaglio del Consiglio. Già solo questo fatto sottolinea la novità e la discontinuità con il passato.
Per quanto riguarda l’Imu, non esiste un “caos” nel Comune di Ancona ma solo quello che sta generando la confusione normativa del Governo centrale, peraltro comune a tutti gli enti locali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento