Fincantieri, i senatori marchigiani: “La nave resta ad Ancona”

Casoli (Pdl), Amati e Magistrelli (Pd) e Sbarbati (Pri) fugano ogni ombra: "Non c'è nessuna azione e soprattutto alcuna intenzione di deviare la commessa"

"Non c'è nessuna azione e soprattutto alcuna intenzione di deviare la commessa" della Compagnie du Ponant.
La nuova nave mini-cruise destinata da Fincantieri allo stabilimento di Ancona, dunque, "non verrà deviata verso un altro cantiere" del gruppo.
Ad affermarlo i senatori Francesco Casoli (Pdl), Silvana Amati e Marina Magistrelli (Pd), e Luciana Sbarbati (Pri), che si sono attivati presso il ministero dello Sviluppo Economico per sollecitare "una risposta chiara sulle voci ufficiose che girano".

La preoccupazione si era diffusa lunedì sera, a seguito dell'incontro nazionale fra la Fincantieri e i sindacati svoltosi a Roma, dal quale era trapelata l’intenzione dell’azienda di non destinare al cantiere dorico la nave, ma di metterla all’asta.
 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Le bottiglie si riciclano al supermarket: previsti sconti sulla spesa

Torna su
AnconaToday è in caricamento