Riapertura Fincantieri, Ceriscioli: «Per garantire sicurezza manderò gli ispettori»

Lo ha detto il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, ai microfoni della trasmissione Centocitta' su Radio Raiuno, commentando la riapertura dello stabilimento di Fincantieri ad Ancona

ANCONA - «L'impegno che ho preso con i sindacati e' di mandare gli ispettori per controllare che effettivamente chi lavora li' dentro lo faccia davvero in modo diverso». Lo ha detto il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, ai microfoni della trasmissione Centocitta' su Radio Raiuno, commentando la riapertura dello stabilimento di Fincantieri ad Ancona.

«È un tipo di lavorazione che abitualmente mette le persone in forte vicinanza- spiega Ceriscioli-. La ripartenza non significa ripartire come si faceva prima ma la ripartenza deve avvenire coniugando le esigenze delle imprese di lavorare e consegnare il prodotto con il massimo rigore per non arrecare un danno ai propri dipendenti e alla comunita». Il governatore marchigiano ha ribadito che in base ai dati della Regione, a differenza della stima fatta dall'Osservatorio sulla salute delle regioni, nelle Marche si raggiungeranno zero contagi presumibilmente entro "fine maggio" ed ha confermato di volersi adoperare per una riapertura dal 4 maggio. «Il mantra deve essere: coniugare la massima sicurezza con la massima opportunita' per le imprese che possono e vogliono riaprire- dice Ceriscioli-. È giusto dare la possibilita' di riaprire alle imprese che hanno tutti gli strumenti per garantire la sicurezza a chi lavora, ma allo stesso tempo chi non e' in grado di dare sicurezza non deve aprire ne' il 4 maggio ne' il 15 maggio. Ci deve essere una forte tensione che tenga insieme i due elementi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il governatore nelle Marche «ci sono imprese in grado di applicare il distanziamento, di fornire i Dpi e di riorganizzare il lavoro mentre altre imprese, magari piu' piccole e con spazi piu' angusti, potranno aprire solo quando metteranno i lavoratori nelle condizioni di non infettarsi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Addio all'architetto D'Alessio, ex assessore: era presidente del Parco del Conero

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento