Vertenza petrolio, ok da maggioranza ed opposizione su mozione tutela del territorio

L’obiettivo è quello ottenere stanziamenti dal Governo per mitigare le esalazioni provocate dall’attività di raffinazione e di sollecitare il Ministero della Salute e la Regione Marche

Consiglio comunale

FALCONARA - Il Consiglio comunale di Falconara ha accolto l’idea di lanciare una ‘Vertenza Petrolio’, che riunisca tutti i Comuni sedi di impianti di raffinazione con la regia dell’Anci. L’obiettivo è quello ottenere stanziamenti dal Governo per mitigare le esalazioni provocate dall’attività di raffinazione e di sollecitare il Ministero della Salute e la Regione Marche affinché svolgano azioni di prevenzione e screening degli abitanti dei Comuni che ospitano raffinerie. L’idea di una ‘Vertenza Petrolio’ è stata lanciata dal capogruppo del Partito Democratico Marco Luchetti con una mozione che nella serata di ieri, martedì 7 gennaio, è stata approvata da maggioranza e opposizione, fatta eccezione per i consiglieri Marco Baldassini (che si è astenuto) e Loris Calcina (che ha votato contro).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Questa rivendicazione è cruciale per il territorio di Falconara – dice l’assessore all’Ambiente Valentina Barchiesi – che ospita una realtà tanto impattante senza che siano previsti finanziamenti per la tutela ambientale del territorio. Come maggioranza abbiamo sostenuto questa mozione perché va in una direzione intrapresa sin dalle prime settimane di mandato. Già a ottobre 2018 il sindaco Stefania Signorini si era attivata con la Legautonomie delle Marche per lanciare la battaglia sulle accise: erano stati contattati tutti i Comuni italiani che ospitano raffinerie, con l’intento di ottenere parte delle accise che le aziende petrolifere versano allo Stato e da questo arrivano alle Regioni, senza che agli enti comunali ritorni alcunché. Solo dalla raffineria di Falconara, nel 2017 il Governo ha incamerato quasi un miliardo di euro. Avevamo già sollecitato inoltre il Ministero della Salute e la Regione Marche per l’attuazione di attività di prevenzione e screening sulla popolazione. Questa nuova battaglia, per riuscire, dovrà poter contare sull’impegno dell’Anci e sulla capacità dell’Associazione di mettere attorno a un tavolo, insieme a Falconara, gli altri otto Comuni italiani sedi di impianti di raffineria». «Dispiace che il consigliere Loris Calcina, da sempre attento alle tematiche ambientali, abbia votato contro questa mozione – aggiunge Giorgia Fiorentini, presidente della Commissione Ambiente – che getta le basi per un percorso a tutela della nostra città. Sappiamo che questo percorso sarà molto impegnativo e proprio per questo ci sarebbe stato bisogno della compattezza del Consiglio. Il voto ha comunque raggiunto un risultato: ancora una volta su una materia tanto delicata come l’ambiente Pd e Cic hanno mostrato una totale incompatibilità tra le rispettive posizioni, che non avrebbe permesso loro di governare insieme. Pensare che, se avessero vinto le amministrative del 2018, l’assessorato all’Ambiente sarebbe andato proprio a Calcina. Questa è l’ennesima dimostrazione che l’accordo tra Cic e Pd, stretto prima del ballottaggio, aveva esclusivamente uno scopo elettorale. La coalizione sarebbe implosa in poco tempo sulla spinta di contraddizioni evidenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento