Politica

Ex Mutilatini, Portonovo per tutti: «Ritardi della politica e degrado ambientale»

«Quello che più ci preoccupa è lo stallo che si e' creato nell'amministrazione comunale e che impedisce l'iter necessario a che il progetto trovi il naturale compimento».

«Quattro mesi fa comunicavamo ai cittadini ed alle associazioni ed operatori economici locali, la nostra soddisfazione per aver appreso dal Comune di Ancona dell’imminente l'uscita del bando per la concessione ventennale a privati dell’ex colonia estiva di Portonovo, ai fini della riqualificazione e futura gestione con utilizzo ad ostello dell’edificio». Così Portonovo per Tutti sull'attuale situazione dell'Ex Mutilatini

«Purtroppo oggi dobbiamo prendere atto che l’Amministrazione Comunale, dopo aver tolto gli ex-mutilatini dalla lista degli immobili da alienare, non ha compiuto ancora i passi necessari per realizzare il sogno di tanti cittadini che vorrebbero il recupero e l'utilizzo a fini socio-culturali dell’edificio. Quello che più ci preoccupa è lo stallo che si e' creato nell'amministrazione comunale e che impedisce l'iter necessario a che il progetto trovi il naturale compimento. Eppure la Giunta Comunale aveva riconosciuto come valida la nostra proposta di recupero, a supporto della quale aveva approvato in novembre la sottoscrizione di un protocollo di intesa con l’Università Politecnica delle Marche e FederParchi Marche per accedere a fondi europei e sviluppare nell’ex-colonia attività a sostegno del turismo sostenibile e dell’educazione ambientale A pochi mesi dall’inizio della stagione estiva l’edificio degli ex-mutilatini, sta subendo un progressivo degrado e aggressioni da parte di ignoti*, con grande pericolo per l’ambiente e pesante deterioramento dell’immagine turistica di Portonovo» 

«Chiediamo alla Giunta che informi la cittadinanza sullo stato delle cose e in particolare:
1.Trattativa per lo scioglimento del vincolo d’uso con l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, precedente proprietaria del bene prima che fosse acquistato dal Comune di Ancona;
2.Emissione del bando per la manifestazione di interesse alla ristrutturazione e gestione degli ex-mutilatini come ostello e centro di educazione ambientale;
3. Sottoscrizione del protocollo di intesa con l’Università Politecnica delle Marche e FederParchi Marche».

DEGRADO ALL'EX MUTILATINI -> Le foto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Mutilatini, Portonovo per tutti: «Ritardi della politica e degrado ambientale»

AnconaToday è in caricamento