Politica Baia Di Portonovo

Ex mutilatini, tre ipotesi per il futuro: «Decideremo entro la fine dell’anno»

Il capogruppo Pd Michele Fanesi ha presentato le tre ipotesi al vaglio del Comune sul futuro della struttura di Portonovo

L'ex mutilatini

ANCONA - Entro i prossimi 11 mesi l’edificio ex Mutilatini conoscerà il proprio destino. Tre le ipotesi sul tavolo presentate dal capogruppo Pd Michele Fanesi, che durante il coniglio comunale sul bilancio preventivo è intervenuto sulla Mozione (bocciata dall’aula) presentata dal capogruppo Altra Idea di Città Francesco Rubini. La proposta avrebbe impegnato la Giunta a impegnare parte dei fondi per evitare l’ulteriore ammaloramento della struttura (GUARDA IL VIDEO). 

Le tre ipotesi 

La prima ipotesi, che appare la meno probabile, prevede la prosecuzione dell’iter previsto nel vecchio bando: dare l’immobile in concessione per uso ostello, economicamente accessibile a giovani e studenti come previsto dal progetto dell’associazione "Portonovo per tutti". Il problema in questo caso è legato alla sostenibilità economica, perché il Comune ha messo in chiaro che non ha la possibilità di compartecipare al restyling: «Se c’è un progetto che non prevede la partecipazione pubblica allora ben venga» ha spiegato Fanesi. La seconda ipotesi prevede la vendita dell’immobile ma c’è anche una terza via: includere lo stabile nella gestione dei servizi della baia di Portonovo, in pratica legarla all’attività del campeggio. In questo caso al gestore verrebbe concesso il tempo necessario a una ristrutturazione dello stabile e dell’area circostante. «Decideremo entro il 31 dicembre, dopo cioè la scadenza dell’attuale bando per i servizi della baia».
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex mutilatini, tre ipotesi per il futuro: «Decideremo entro la fine dell’anno»

AnconaToday è in caricamento