Ex Metro, Quattrini (M5S): «Iniziano i lavori ma non c'è accordo economico»

Sull'avanzamento dei lavori dell'Ex metro, per cui il sindaco Mancinelli ha annunciato l'arrivo della variante dalla Provincia, interviene il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Andrea Quattrini

Sull’avanzamento dei lavori dell’Ex metro, per cui il sindaco Mancinelli ha annunciato l’arrivo della variante dalla Provincia, interviene il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Andrea Quattrini ponendo una questione, cioè: perchè avanzare con i lavori senza la certezza che ci sia accordo sulla contropartita tra Comune e Metropolitan Building

«E’ curioso vedere come la Metropolitan Building, che per anni ha lasciato marcire il rudere dell’ex Metropolitan perché il prezzo del plusvalore da riconoscere al Comune era troppo alto, da qualche tempo abbia iniziato i lavori pur non conoscendo ancora l’importo del nuovo plusvalore da versare - spiega Quattrini - E’ facile ipotizzare che per portare avanti i lavori, culminati ieri con la rimozione dell’impalcatura e l’installazione della passerella per Sindaco ed Assessori, la Metropolitan Building abbia sostenuto dei costi: ma perché ha deciso ora di sostenerli senza sapere se il plusvalore da pagare per finire l’opera sarà congruo con le loro aspettative? E se la nuova perizia fosse ancora di 3 milioni di euro (cifra allora considerata eccessiva e tale da impedire la redditività dell’opera) avranno realizzato, anche se parzialmente, dei lavori inutilmente? L’unica cosa che è cambiata rispetto al passato, è che la maggioranza Pd sta approvando la variante per trasformare l’ex cinema in appartamenti e negozi, mentre le giunte precedenti, da Gramillano a Sturani, pretendevano in anticipo il pagamento del plusvalore per approvarle. Ora casi sono due: o l’importo della perizia è conosciuto e concordato tra il Comune e la Metropolitan Building, ma non si vuole far sapere in giro. Oppure, la strategia del Sindaco di approvare le varianti e di farsi pagare solo successivamente il plusvalore ha qualche falla che non impedirà alla Metropolitan Building di portare a termine i lavori a prescindere dal pagamento del plusvalore. In entrambi i casi è l’ennesima dimostrazione di un Sindaco sempre pronta a mostrarsi a muso duro con i deboli, siano i giostrai o gli occupanti della Casa de Nialtri, ma molto accomodante con i potenti, compreso chi ha preso a schiaffi la città con le incompiute, per le quali incasserà oltre un miliardo e duecento milioni di soldi pubblici, dove anche il Comune è chiamato a difendersi in giudizio in Cassazione. Ma tanto fare gli sconti ai potenti per lei è gratis, perché i soldi ce li mettono i cittadini e le casse del Comune sono sempre più vuote».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

Torna su
AnconaToday è in caricamento