Approvata dalla giunta la permuta della ex caserma Fazio con il Centro Tennis di Pietralacroce

Giunge così a conclusione un'importante vicenda che vede l’acquisizione della ex caserma Fazio da parte della Regione che la destinerà alla realizzazione di uno studentato e il passaggio di proprietà del Centro Tennis al Comune di Ancona

Ex caserma Fazio

ANCONA - È stata approvata  dalla Giunta comunale la permuta tra la ex caserma Fazio di proprietà comunale e il complesso immobiliare Centro Tennis di Pietralacroce di proprietà della Regione Marche. Giunge così a conclusione un'importante vicenda che vede l’acquisizione della ex caserma Fazio da parte della Regione che la destinerà alla realizzazione di uno studentato e il passaggio di proprietà del Centro Tennis al Comune di Ancona che per anni lo aveva avuto in locazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare alla Regione il Comune cede la ex caserma Fazio che comprende l'edificio all'angolo tra via del Faro e via Scosciacavalli, l'edificio vero e proprio su via del Faro e la tettoia garage adiacente con accesso all'area cortile. La Regione Marche mette a disposizione per la permuta il complesso immobiliare Centro Tennis di Pietralacroce destinato ad attrezzature sportive, situato in via Fratelli Zuccari. Il complesso immobiliare sorge su un'area di 14.280 metri quadrati ed è composto da una palazzina destinato ad ospitare bar e ristorante i locali del circolo tennis, un campo centrale in terra battuta con gradinata in cemento e spogliatoi sottostanti più servizi, 4 campi secondari in terra battuta e due campi in sintetico oltre ad aree verdi di pertinenza e un piccolo parcheggio. Per entrambe le strutture sia Regione che Comune avevano provveduto nel tempo ad effettuare aste per l'alienazione, andate sempre deserte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento