Aria irrespirabile, il presidente di Confindustria: «Lasciare Api fuori da campagna elettorale»

«Quello che mi sembra corretto sottolineare è che non si può cavalcare questo avvenimento come tema di campagna elettorale»

Claudio Schiavoni

L'eco mediatica suscitata dall’inconveniente verificatosi nella Raffineria di Falconara ha spinto Claudio Schiavoni, Presidente Confindustria Marche Nord, a intervenire: «Non entro nel merito degli eventi già ampiamente chiariti dall’azienda: sottolineo solo il fatto che la stessa è intervenuta immediatamente con le migliori tecnologie per contenere le emissioni odorigene e il problema è stato completamente risolto in pochi giorni. Quello che mi sembra corretto sottolineare è che non si può cavalcare questo avvenimento come tema di campagna elettorale, che al pari di molte altre nel Paese sembra a questo punto sempre più priva di contenuti di spessore».

Confindustria Marche Nord conferma che la proprietà e il management, pur nella consapevolezza di operare in un settore delicato, hanno sempre dedicato grandi risorse e attenzione al tema della sicurezza sul lavoro e dell’impatto ambientale: basti citare che già nel 2010 il sito di Falconara ha ottenuto, prima raffineria in Italia, l’Autorizzazione Integrata Ambientale. Questa autorizzazione significa ottemperare ad una serie di norme e un impegno considerevole a livelli tecnico, umano ed economico a favore dell’evoluzione ambientale del complesso industriale.

«Il sito di Falconara - continua Schiavoni - è una realtà che ha un grande valore economico sul nostro territorio: è il principale operatore del porto in quanto a merci movimentate ed è un significativo bacino occupazionale. Proprio nella consapevolezza del valore aggiunto in termini di competenze che API può mettere a disposizione, nel 2014 come Confindustria avevamo addirittura ipotizzato la costituzione di un centro di ricerca applicata su energia e ambiente proprio a Falconara, in partnership anche con la Politecnica delle Marche. In quanto associazione che tutela il ruolo dell’industria sul territorio auspichiamo da parte delle amministrazioni un aiuto a promuovere un dibattito sereno e scevro da manipolazioni elettoralistiche che, grazie anche a una informazione trasparente, stimoli la collaborazione costruttiva tra aziende e territorio nell’interesse dell’ambiente e dello sviluppo dell’economia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento