menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Smog

Smog

Emergenza smog, anche le Marche dal ministro Galletti: nuovi provvedimenti

Dal protocollo d'intesa nazionale alle misure regionali. L'assessore all'Ambiente Sciapichetti fa il punto dei progetti per il 2016 ma precisa che non c'è alcun allarmismo perché nella regione Marche va meglio rispetto a prima

Sostituzione delle caldaie condominiali, limitazioni all'uso dei caminetti, una rete di rifornimento per mezzi elettrici e piantumazione di 400 ettari di aree verdi. Sono alcune delle misure già prese dalla Regione Marche che si andranno ad affiancare a quelle decise dal protocollo nazionale, discusso e firmato dal ministro all'Ambiente Gian Luca Galletti, le Regioni, l’Anci e le città metropolitane per contrastare l'inquinamento. Al tavolo era presente anche l'assessore regionale Angelo Sciapichetti che però avverte i marchigiani: «I dati disponibili sono di gran lunga migliori rispetto a quelli di cinque o dieci anni fa, grazie alle misure messe in campo e attuate da Regioni e Comuni. Ciò non toglie che bisogna fare di più e migliorare ulteriormente la situazione».

Tra le misure nazionali ci sono anche la riduzione della velocità veicolare a 20 km/h e l'abbassamento del riscadamento di due gradi. Sono previsti, si legge in una nota della Regione «incentivi per la sostituzione dei mezzi pubblici, con la previsione dell’intervento della Cassa depositi e prestiti quale centrale unica di committenza e la legge di stabilità prevede un primo stanziamento di 150 milioni di euro a tal fine, incentivi alla rottamazione delle auto private e per la sostituzione delle caldaie di condomini, scuole ed edifici pubblici».

Provvedimenti che soddisfano la Regione. «Stiamo predisponendo – annuncia Sciapichetti - un progetto per la sostituzione delle caldaie condominiali nell’ambito del nuovo Piano regionale energetico ambientale, così come nella delibera di giunta del 30 novembre scorso abbiamo previsto limitazioni all’uso delle biomasse di riscaldamento. Abbiamo avviato un progetto per la promozione dell’uso delle auto elettriche, con la previsione di una rete di stazioni di rifornimento capillarmente diffusa, intercettando sia risorse di un bando del Ministero dei Trasporti, sia risorse europee nell’ambito del Fondo europeo di sviluppo regionale. Abbiamo inoltre avviato e rilanceremo nel 2016 il progetto collaterale alla terza corsia dell’autostrada per la piantumazione di ben 400 ettari di nuove aree verdi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento