Elezioni regionali Marche 2015

Regionali 2015, la Lega Nord corre da sola e lancia Paolini

La Lega Nord propone il suo candidato l'on.Luca Paolini e si presenta come l'unica vera opposizione, "distaccata dai giochi che stanno avvenendo al centro e distaccata dalle finte opposizioni che in corso d'opera cambiano schieramento politico"

La Lega Nord corre da sola. Alle prossime elezioni regionali si presenterà con il suo candidato l'On. Luca Rodolfo Paolini, segretario nazionale Lega Nord Marche. Nessuna alleanza con il centro, nessuna alleanza con Ncd, impensabile con Spacca. E il centrodestra, a una ventina giorni dal deposito delle liste, non ha ancora il nome di un candidato. Possibile apparentamento con Fratelli d'Italia.

«Noi alle prese in giro non ci stiamo e quindi corriamo da soli. Questo non significa in assoluto da soli- spiega Paolini-. Ad oggi ad esempio, ha mostrato interesse per un eventuale apparentamento Fratelli d'Italia e noi saremo ben felici se la cosa andrà in porto in quanto con loro c'è una sinergia anche a livello nazionale». La Lega Nord si presenta come la vera opposizione, distaccata dai giochi che stanno avvenendo al centro e distaccata dalle finte opposizioni che in corso d'opera cambiano schieramento politico.

«Noi miriamo soprattutto a quel 50% dei marchigiani che non vanno a votare - ribadisce Paolini - E non vanno a votare perché in questa confusione totale, in questa incertezza di proposte si parla solo di candidature e mai di cosa si vuole fare. Noi vogliamo riportare la gente al voto con una proposta credibile da parte di una Lega che non ha mai ballato. E soprattutto una Lega che vuole evitare il Patto del Nazzareno in salsa marchigiana. Il centro chiede i voti fingendo di fare opposizione, la mattina dopo correrà in soccorso ad un Pd che è in difficoltà perché è molto diviso al suo interno». «In realtà in Consiglio regionale non c'è mai stata un'opposizione. Saremo noi a decidere i nostri alleati» dichiara Luigi Zura Puntaroni, consigliere provinciale Macerata Lega Nord Marche.

Le proposte presenti nel programma fanno riferimento ai problemi dei marchigiani, a cominciare dalla sanità. «La sanità è stata gestita malissimo. Liste d'attesa di due anni e mezzo, interventi chirurgici ridotti, chiusura o mancanza di presidi ospedalieri sul territorio. Ad esempio all'ospedale della comunità montana di Cingoli è stata data una proroga solo in vista delle elezioni- sottolinea Sandro Zaffiri, segretario provinciale Ancona Lega Nord-. La legge regionale sulle case popolari è da rivedere, deve essere data priorità ai marchigiani. Altri aspetti importanti sono il lavoro ,tasse più basse e snellimento della burocrazia. Inoltre, bisogna difendere le coste con delle scogliere». Da domani La Lega Nord inizierà la raccolta firme per depositare liste e candidati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali 2015, la Lega Nord corre da sola e lancia Paolini

AnconaToday è in caricamento