Regionali 2015, intervista a Luca Ceriscioli: «Ci sarà un ricambio nel Pd»

Luca Ceriscioli è il candidato presidente del centrosinistra. Ha 49 anni ed è professore di matematica. Per 10 anni è stato sindaco di Pesaro. Ha iniziato militando nel Partito Democratici di Sinistra, poi negli anni '90 le prime esperienze amministrative

Luca Ceriscioli

1- Luca Ceriscioli parlando di sanità (e quindi di liste d'attesa e pronto soccorso) e di lavoro (in particolar modo delle ultime vicende riguardanti la Whirpool-Indesit, la Fincantieri e l'Isa), quali sono le mosse da mettere subito in atto per le Marche?

«Per quanto riguarda il tema del lavoro, il futuro governatore ha già un tavolo concordato al Mise a metà giugno per trovare una soluzione. La Regione sarà presente a quei tavoli, il rapporto con il Governo è positivo, si vuole trovare una soluzione. Nella sanità il problema delle liste d'attesa è molto sentito. Ci sono molti  macchinari per la diagnostica che vengono utilizzati solo mezza giornata. Un utilizzo più prolungato potrebbe invece ridurre il problema».

2- Cosa ne pensa della proposta di accorpamento delle regioni avanzata dal Pd e approdata in Parlamento? E del riordino delle province?

«L'accorpamento delle regioni non arriverà a domani mattina. L'importante comunque è che le Marche rimangano unite. Le province sono state lasciate senza risorse. Al di là del percorso amministrativo bisogna trovare le risorse».

3- Come affrontare l'immigrazione nelle Marche?

«Le prefetture stanno lavorando bene. I profughi vengono distribuiti in tutte le province in modo tale da non creare delle zone "ghetto". Altrimenti al situazione sarebbe difficile ma con la collaborazione si può far bene».

4- Pensa che Spacca sia un traditore oppure che Spacca tiri dritto per la sua idea politica?

«Spacca è stato per 20 anni al Governo regionale ed ha già potuto esprimere la sua idea di governo. Un caso del genere è l'unico nelle Marche. Spacca ha già dato tutto ma vuole restare lì, evidentemente si è trovato bene. Ha fatto la tesi con Aldo Moro e oggi fa le foto con Silvio Berlusconi».

5- Dal 2006 il Pd governa le Marche. Lei che è del Pd come pensa di rinnovare rispetto al suo stesso partito?

«Il Pd è un gran partito, popolare, presente sul territorio. Il ricambio nel governo del Pd mette in campo esperienze diverse. Nel mio caso portare una figura che ha fatto il sindaco per 10 anni, a contatto con i cittadini e le associazioni, che ha un maggiore dialogo con il territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento