menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Goffredo Brandoni e Antonio Mastrovincenzo

Da sinistra: Goffredo Brandoni e Antonio Mastrovincenzo

Falconara al ballottaggio: la sfida è tra Goffredo Brandoni e Antonio Mastrovincenzo

Brandoni ha segnato il 46,31% delle preferenze mentre Mastrovincenzo porta a casa il 32.96%. Riccardo Borini e la sua coalizione sono la terza forza cittadina con il 10,6%. Rebus apparentamenti

Nuova chiamata alle urne per i cittadini falconaresi, che domenica 9 e lunedì 10 giugno dovranno recarsi nuovamente ai seggi per il ballottaggio tra Goffredo Brandoni e Antonio Mastrovincenzo. Nessuno dei candidati è infatti riuscito a passare al primo turno delle consultazioni: Brandoni (Falconara in Movimento, Insieme Civico, Ridisegnare Falconara e Uniti per Falconara) ha segnato il 46,31% delle preferenze con 6374 voti, attestandosi in vantaggio rispetto allo sfidante Mastrovincenzo (Insieme per Mastrovincenzo, Partito Democratico, Rifondazione Comunista-Comun. Italiani e Sinistra Ecologia Libertà), che porta a casa 4537 voti, il 32.96%.
Ciascun candidato si prepara alla prossima sfida elettorale con ottimismo e voglia di vincere, ma la vera incognita che pesa sul nuovo appuntamento è quella dell’astensionismo: al primo turno infatti a votare ci sono andati 14.054 elettori su 21.844 totali, ovvero il 64,34% (nel 2008 si recò alle urne l'80,77%), e il ballottaggio potrebbe interessare i cittadini ancora di meno, minando in termini di rappresentanza il vincitore.

GLI ALTRI. Con il 10,06% dei voti ottenuti Riccardo Borini e la sua coalizione (Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune) si attestano come la terza forza politica cittadina. Le Liste Civiche Falconara Puntoeacapo e Impegno per Falconara regalano a Lucio Virgulti il 5,46% delle preferenze. Anche a Falconara, infine, il M5S risente del calo accusato nella competizione amministrativa, fermandosi con Bruno Frapiccini al 5,20%.

LE ALLEANZE POSSIBILI. Con il ballottaggio all’orizzonte, il tema all’ordine del giorno è quello delle alleanze. Frapiccini e Virgulti hanno ripetuto più volte in campagna elettorale che in caso di ballottaggio non avrebbero parteggiato per nessuno degli avversari. Borini invece si è incontrato ieri sera coi suoi, dichiarandosi aperto al dialogo. Brandoni, dal canto suo, aveva rilasciato dichiarazioni secondo le quali non si sarebbe apparentato con nessuno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento