Elezioni Comunali 2013: doppia preferenza di genere, cos'è e come si utilizza

La novità è stata introdotta dalla nuova legge sui Comuni: in pratica è possibile esprimere due preferenze all'interno di una stessa lista, purché riferite a candidati di sesso opposto

Domenica 26 e lunedì 27 maggio i cittadini anconetani sono chiamati alle consultazioni per l'elezione del sindaco e del consiglio comunale. Quest’anno il voto si può esercitare con una novità: il cambio della legge elettorale dei Comuni ha infatti introdotto la “doppia preferenza di genere”. Cosa significa?

Il voto alla lista viene espresso, ai sensi del comma 3 dell'art. 72, tracciando un segno sul contrassegno della lista prescelta. Ciascun elettore può esprimere un voto di preferenza per un candidato o una candidata della lista da lui votata, scrivendone il cognome sull'apposita riga posta a fianco del contrassegno. Per queste elezioni però ha facoltà di esprimerne due, purché il secondo cognome indicato faccia riferimento a un candidato di sesso opposto al primo, pena l'annullamento della seconda preferenza. Attenzione però: i due nomi indicati dall'elettore, di un uomo e di una donna, devono necessariamente appartenere alla stessa lista.

La legge ha come fine l'incremento della presenza delle donne senza dover ricorrere al meccanismo delle “quote rosa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento