La consulente aziendale scende in campo per Fratelli d'Italia, si presenta Mirella Battistoni

Mirella Battistoni presenta a Senigallia la sua candidatura a consigliere regionale per Fratelli d'Italia (qui tutti i candidati), con la partecipazione di Francesco Acquaroli

Mirella Battistoni con Francesco Acquaroli

Mirella Battistoni presenta a Senigallia la sua candidatura a consigliere regionale per Fratelli d'Italia (qui tutti i candidati), con la partecipazione di Francesco Acquaroli. Al People Bar & Restaurant, presso i bagni Terrazza Marconi, la Battistoni si è presentata di fronte a circa 70 persone presenti e salutato le autorità, gli amministratori locali, rappresentanti di associazioni di categoria, amici e sostenitori. La Battistoni ha introdotto la sua presentazione ricordando che Senigallia è la sua città del cuore, dove trascorre le vacanze estive con la sua famiglia, facendo base proprio nello stabilimento balneare di Terrazza Marconi ormai da diversi anni. Ha precisato di essere nuova alla politica e di provenire dal mondo delle professioni proseguendo con cosìcon la sua presentazione: «Sono titolare di uno studio di consulenza aziendale che si occupa di assistere le imprese per la fruizione di contributi europei. Svolgo questo lavoro con soddisfazione da oltre 20 anni. È un lavoro per il quale mi rapporto costantemente, da un lato, con le istituzioni e, dall'altro, con le imprese di tutti i settori conoscendone potenzialità e difficoltà. La motivazione del mio impegno politico sta nel desiderio di portare le mie competenze professionali al servizio della comunità, per cercare di colmare le grandi inefficienze che la Regione ha mostrato negli ultimi anni. Riguardo la mia candidatura nella lista di Fratelli d'Italia, mi ritrovo nella linea politica di Giorgia Meloni basata sulla coerenza, il sostegno alla meritocrazia e alle politiche attive del lavoro. Con Francesco Acquaroli ci siamo trovati subito in sintonia per la condivisione degli obiettivi ed ho apprezzato la sua serietà, la passione e la concretezza».

Il programma

Oltre ai grandi temi che la nuova amministrazione dovrà affrontare come  sanità, viabilità e ricostruzione post sisma, ci sono 3 obiettivi cari alla Battistoni: impiego dei fondi europei, formazione e occupazione giovanile, turismo e cultura. «Per quando riguarda i fondi europei, la gestione da parte della Regione Marche negli ultimi anni è stata veramente inefficiente. Cito solo 2 fatti. Primo, al 31 dicembre 2019 aveva speso solo il 26% della dotazione di fondi per la programmazione 2014-2020. C'è ancora 1 miliardo da spendere.Seondo, la Regione Marche è stata declassata da regione "sviluppata" a regione "in transizione" a causa di una riduzione del PIL, dell'occupazione, delle politiche di coesione, della qualità della vita. Si può fare di più con l'introduzione di normative nuove e più rispondenti alle esigenze del territorio: pochi bandi con scadenze programmate e semplificazioni burocratiche, maggiore rapidità nella valutazione delle domande e liquidazione dei contributi, informazione più trasparente (riduzione dei siti internet della Regione). Per quanto riguarda l'occupazione, per contrastare il fenomeno dell'abbandono dei nostri territori da parte dei giovani e ridurre il gap tra scuola è lavoro, la Regione può intervenire nella formazione specialistica post diploma utilizzando i fondi del Fse per il  sostegno ad esempio degli Istituti di Formazione Specialistica. Per quanto riguarda il turismo, non ancora veramente decollato nella nostra stupenda regione, è necessario implementare strategie di rete sia settoriali che geografiche: rete tra i settori della cultura, dell'enogastronomia, dell'artigianato artistico, del commercio, rete tra la costa e l'entroterra anche per la destagionalizzazione dei flussi turistici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento