Regionali, Mercorelli (M5s) sul risultato delle urne: «Mai stati davvero competitivi»

Gian Mario Mercorelli, ormai ex candidato governatore del M5S nelle Marche, non fa sconti a nessuno, nemmeno a se stesso.

Gian Mario Mercorelli

«È inutile girarci attorno: non siamo mai stati veramente competitivi a livello territoriale perchè è mancata, nei passati cinque anni, la volontà di costruire una struttura regionale veramente immagine del M5s». Il giorno dopo le elezioni regionali che l'hanno visto ottenere l'8,62% dei consensi, Gian Mario Mercorelli, ormai ex candidato governatore del M5S nelle Marche, non fa sconti a nessuno, nemmeno a se stesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L'ex capogruppo in Regione espulso dal Movimento mesi fa (Gianni Maggi) che si è schierato apertamente contro di noi fino all'ultimo momento, la spaccatura a Pesaro causata da Francesca Frenquellucci e del suo ingresso nel Pd, una situazione locale difficile ad Ancona: tutti elementi che hanno contribuito al calo di consensi del M5s alle regionali- continua Mercorelli- Il Movimento funziona quando interpreta la volontà dei cittadini e la trasforma in legge o riforma. Il riferimento è al referendum. Purtroppo è mancato l'effetto traino sulle regionali. Ora dobbiamo ricominciare e imporci un rilancio del nostro progetto politico». Tre i punti sul tavolo di Mercorelli. «Il comitato elettorale diventerà una struttura permanente a supporto di tutti i nostri eletti. Metteremo questa realtà a Tolentino, al centro del cratere. Faremo poi una riunione di tutti i parlamentari marchigiani coinvolgendo anche alcuni amici delle Marche che operano a livello nazionale ed europeo. Subito dopo promuoverò una due giorni di confronto e dibattito con tutti i marchigiani, a cominciare dai nostri attivisti. Poi ci presenteremo agli Stati generali nazionali con una proposta chiara. Basta essere guidati in base all'opportunità politica o alla conservazione dei posti di Governo». Mercorelli ricorda infine che un voto su Rousseau «non può sostituire il reale confronto politico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento