«Siamo la lista civica più votata e vogliamo governare con Acquaroli e i partiti»

«È nostro obiettivo affiancare FdI e Lega, veri fautori della vittoria di Francesco Acquaroli, nel governo delle Marche unitamente al resto della coalizione, consapevoli del nostro ruolo» dice Mattei

Paolo Mattei

«Esprimiamo grande e profonda soddisfazione per il risultato elettorale che ci permette di essere rappresentati nell’Assemblea legislativa delle Marche. Risultato che smentisce tutti coloro che sminuendo la nostra iniziativa politica, invitavano gli elettori ad orientare il voto verso i simboli più conosciuti. Siamo la lista puramente civica più votata tra quelle che hanno partecipato alla competizione elettorale, il nono gruppo più votato tra i diciotto che si sono presentati al giudizio delle urne. È nostro obiettivo affiancare FdI e Lega, veri fautori della vittoria di Francesco Acquaroli, nel governo delle Marche unitamente al resto della coalizione, consapevoli del nostro ruolo, del nostro radicamento nel territorio e del potenziale che potremo mettere a disposizione del Presidente man mano che il nostro movimento evolverà». A dirlo è il fondatore della lista civica Civitas Civici Paolo Mattei che, dopo aver preso il 2,08% (12.958 voti) e mandato in regione un consigliere, analizza il risultato, esprime soddisfazione rilancia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dei poco meno dei tredici mila marchigiani che hanno scelto di votare per i Civitas CIvici, nel 90% dei casi hanno espresso la preferenza per almeno uno dei nostri candidati, dato che non può essere trascurato considerato che le elezioni regionali rimangono un’elezione territoriale. Gli altri partiti minori della coalizione non possono vantare un rapporto tra voti di lista e voti di preferenza con percentuali così rilevanti. Abbiamo anche contezza di aver subito l’annullamento di alcune migliaia di voti durante le normali operazioni di scrutinio, dato che ci fa pensare cha avremmo potuto ottenere un risultato straordinario. Ribadiamo, pertanto, la nostra piena soddisfazione per essere riusciti ad entrare in Consiglio regionale, anche in considerazione del fatto che, a causa di problemi organizzativi, la squadra dei trenta candidati è stata assemblata in un mese (da metà luglio a metà agosto) e che abbiamo potuto iniziare la campagna elettorale solo ad inizio settembre. Siamo all’inizio di un nuovo cammino che siamo intenzionati a fare insieme a tutti coloro che a livello locale già guardano con interesse la bontà della nostra iniziativa e vogliono, contribuire a farla crescere nei prossimi dieci anni. In questo senso ci riempie di soddisfazione il fatto di essere già stati contattati da circa settanta consiglieri comunali e da una decina di liste civiche già attive nei vari territori marchigiani. Siamo profondamente convinti che il civismo sia la risposta più adeguata ad interpretare, anche in Consiglio regionale, le istanze delle varie comunità locali marchigiane. Siamo pronti a colmare il vuoto di rappresentanza lasciato dai partiti in forte crisi di consenso che sopravvivono grazie solo ad alcune personalità di lunga esperienza politica.  A Francesco Acquaroli va il nostro più sentito ringraziamento per aver interpretato, nel miglior modo possibile, il ruolo di candidato presidente sobbarcandosi una grande mole di lavoro miscelando sapientemente fattori determinanti come tempo, quantità e qualità con una intensità senza precedenti, tenendo sempre al centro del dibattito elettorale le questioni territoriali care a tutti i marchigiani. Uno sforzo encomiabile che è stato riconosciuto dai tantissimi elettori che gli hanno dato larga fiducia nelle urne. Noi Civici siamo pronti a dar seguito a tutto ciò per il buongoverno delle Marche, per sostenere con forte motivazione il Presidente Acquaroli in un percorso che non sarà semplice vista la pesante eredità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento