Modifica legge elettorale, Mangialardi la chiude: «Ok doppio turno, ma ora non si può»

Mangialardi chiude la discussione sulla modifica della legge elettorale: «D'accordo sul doppio turno, ma ora non ci sono le condizioni»

Foto di repertorio

«Sono stato sempre favorevole al doppio turno, perché, come avviene a livello comunale, lo giudico un sistema capace non solo di formare maggioranze solide e più rispondenti alla volontà popolare, ma anche di individuare chiaramente la responsabilità del governo». A dirlo è Maurizio Mangialardi, candidato alla presidenza della Regione Marche per il centrosinistra.

«La proposta di Uniti per le Marche è dunque giusta e intelligente. Oggi però non ci sono le condizioni per apportare queste modifiche sostanziali. Non è una questione legata solamente alla campagna elettorale ovviamente. Anche le leggi che vanno nel verso dell’interesse generale, infatti, devono essere discusse nelle sedi opportune e con il tempo necessario. Ora ci dobbiamo concentrare sulle Marche, i suoi problemi, le sue difficoltà e le soluzioni che vogliamo e possiamo offrire. Non c’è tempo per querelle che distolgono energie e capacità». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento