Famiglia, Silvetti: «Non servono contributi ma inserimento nel tessuto produttivo»

La posizione del capolista per Forza Italia nel collegio di Ancona, candidato alle prossime elezioni regionali

Daniele Silvetti

«Vogliamo concretamente che le Marche raggiungano un alto standard di vita e per questo non possiamo prescindere da un’autentica politica a sostegno della Famiglia». A dirlo è Daniele Silvetti, capolista per Forza Italia per Acquaroli Presidente nel Collegio di Ancona alle prossime elezioni regionali del 20-21 settembre. «Da genitore e da marchigiano ritengo fondamentali e certamente condivisibili le proposte formulate dal Forum delle Associazioni Familiari delle Marche che si prefigge di fronteggiare il serio tema della “de-natalità”» spiega Silvetti. L’idea, spiega il canddato, è quella di rendere la Famiglia soggetto centrale nell’azione di Governo del Territorio.  «E’ fondamentale – insiste il coordinatore provinciale e vice coordinatore regionale di Forza Italia - non limitarsi a qualche contributo di sostegno economico ma tradurre all’interno del processo normativo un’opportuna filiera di provvedimenti che servano alla Famiglia ad essere maggiormente inclusa nel tessuto sociale e produttivo del territorio». Quindi il lavoro attraverso il quale sostenerne economicamente la crescita come tema primario, ma anche i servizi sui quali potrà contare e che siano fruibili su tutto il territorio regionale senza distinzioni tra grandi e piccoli comuni della costa o dell’entroterra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Per raggiungere gli obietti prefissati – ha aggiunto - ritengo assolutamente funzionale l’istituzione di un’Agenzia Regionale per la Famiglia e per la Natalità che svolga un ruolo di vero e proprio osservatorio ma anche da catalizzatore di tutte le misure destinate alla Famiglia». Secondo Silvetti, «il Bonus Famiglia è una misura che va resa strutturale, per non rischiare di ridurla ad una mera concessione isolata e priva di un piano funzionale. E’ necessaria una Legge Regionale che istituisca con continuità i servizi, le agevolazioni e le prerogative a cui possono accedere le Famiglie. Inoltre va prevista una fiscalità di vantaggio per le aziende (agevolazioni IRAP) che prevedano premialità per i dipendenti che diventano genitori e la rimodulazione delle addizionali regionali a scalare rispetto ai carichi familiari».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento