Latini chiama a raccolta gli opinion maker perché Ancona torni leader

Di grande attualità i temi affrontati. Dopo i numerosi attestati di stima, Dino Latini si è soffermato ad analizzare il ruolo di nobile decaduta dell’Ancona regina dell’Adriatico

Dino Latini

La stupenda terrazza del ristorante “l’ascensore” ha fatto da panoramica cornice all’incontro fra Dino Latini, candidato Udc alle regionali per Acquaroli presidente, e tanti opinion maker e quindi supporter di prestigio dell’’Ancona che vuol tornare ad essere il vero capoluogo di regione. E così,oltre al coordinatore regionale Udc, il sen Antonio Saccone, c’erano fra gli altri, Gianni Giaccaglia già vice sindaco del capoluogo nonché  assessore regionale all’industria, Stefano Tombolini leader di sessantacento,  Paolo Eusebi già assessore comunale e  regionale, Sandro Simonetti già vicesindaco del capoluogo e poi ancora tanti ex consiglieri comunali. Di grande attualità i temi affrontati. Dopo i numerosi attestati di stima, Dino Latini si è soffermato ad analizzare il ruolo di nobile decaduta dell’Ancona regina dell’Adriatico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“ Purtroppo la città – ha detto Latini – paga lo scotto d’essere governata da una giunta che soffre palesemente di Mancinellite. La supponenza del primo cittadino ha anche prodotto una sorta di rigetto con la Regione nonostante la segreteria del presidente fosse affidata ad un ex sindaco del capoluogo. E così Ancona non cresce ma anzi interi quartieri, dalla stazione agli Archi, a corso Carlo Alberto sono ormai diventati off limits per gli anconetani. Una città cosmopolita è diventata prigioniera della sua stessa vocazione all’accoglienza. Ma ad Ancona soffrono anche i giovani che non hanno opportunità di lavoro e che se vogliono un mutuo si vedono chiudere le porte in faccia da istituti di credito con non  investono nel territorio ma che invece vogliono garanzie su garanzie. Ad Ancona che era una città bianca per eccellenza, soffre anche la sanità. Liste d’attesa  per certi esami che rinviano di mesi se non di anni ma anche un pronto soccorso che rischia di scomparire lasciando scoperta la città di un servizio essenziale.” Insomma Latini ha chiamato tutti a raccolta perché appunto sia la stessa Regione a nuova guida a dare la scossa giusta al capoluogo che altrimenti rischia di perdere  definitivamente la propria identità e di abdicare al proprio ruolo guida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento