Acquaroli candidato del Centrodestra: «Scriviamo una pagina di storia»

Il messaggio di ringraziamento del deputato di Fratelli d'Italia. Ciccioli del Coordinamento regionale: «Ci sono le condizioni per la svolta politica nelle Marche»

Il deputato Francesco Acquaroli

E’ dunque Francesco Acquaroli il candidato unitario del Centrodestra per le elezioni regionali. «Ringrazio i leader Matteo Salvini e Silvio Berlusconi per il sostegno e la fiducia alla mia candidatura a governatore - dice il deputato di Fratelli d’Italia -. Un ringraziamento particolare va al presidente Giorgia Meloni che fin da subito aveva indicato il mio nome sul tavolo nazionale. Oltre ad essere un orgoglio, questa candidatura rappresenta una grandissima responsabilità per dare alla nostra regione una nuova opportunità. Io ce la metterò tutta, continuerò a lavorare assieme a tutti coloro che contribuiranno a scrivere questa nuova straordinaria pagina e a restituire una speranza vera alle Marche. Economia, lavoro, sanità, ricostruzione post-sisma e infrastrutture: da qui ripartiamo per liberare le Marche dal malgoverno del centrosinistra».

Carlo Ciccioli, a nome del Coordinamento regionale di Fratelli d’Italia delle Marche, spiega che «la scelta è stata comunicata dopo lunga valutazione dei sondaggi elettorali affidati a gruppi demoscopici concorrenti, dei curricula politici e professionali di vari candidati, nonché le considerazioni relative all’alleanza politica di Centrodestra. Ringraziamo i partiti alleati della decisione e della considerazione che ha mostrato nei confronti di Francesco Acquaroli, che vanta al suo attivo un mandato in Consiglio Regionale (2010), un mandato da sindaco a Potenza Picena (2014) dopo due precedenti elezioni a consigliere comunale nel suo Comune e l’elezione a deputato nel 2018. Ha fatto parte in Regione della Commissione Lavori Pubblici, Trasporti, Urbanistica ed Ambiente, in Parlamento della commissione Finanze e successivamente della Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo. A questo punto ci sono le condizioni per la svolta politica nella nostra regione - conclude Ciccioli - dopo 25 anni di governi di sinistra, che hanno portato a gravi inadempienze sul territorio, recessione economica e disoccupazione». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento